#Inlibreria!

Per chi ama i dibattiti:

Ponte alle Grazie in libreria e il Corriere della Sera in edicola pubblicheranno in contemporanea con il nuovo libro di

Michel Onfray

Pensare l’Islam

image009.jpg

 

Si tratta di una prima mondiale del libro che l’autore ha deciso, con gesto polemico e provocatorio, di non pubblicare in Francia. Il libro contiene una postfazione corposa in cui l’autore argomenta questa scelta. L’argomento, il nostro rapporto con l’Islam dopo i fatti di Parigi, è naturalmente attualissimo, e il libro contiene materia incandescente di dibattito e numerosi spunti di riflessione. Onfray è il personaggio intellettuale del momento in Francia (vedi attenzione della stampa francese qui sotto, e grande eco su quella italiana) e uno dei pensatori contemporanei più influenti.

Dopo i fatti di Charlie Hebdo, una nuova e più sanguinosa strage jihadista fa vacillare i valori fondamentali della repubblica francese rischiando di innescare una deriva autoritaria in tutta l’Europa; questo mentre la coalizione contro l’ISIS si allarga pericolosamente facendo emergere complicità per troppo tempo ignorate e acuendo le tensioni tra gli Stati convolti nella crisi siriana.

Nel Corano si predica la pace o al contrario si inneggia alla guerra? Ha senso ritenere che l’Islam, in quanto tale, sia incompatibile con la cosiddetta civiltà occidentale? Ciò a cui stiamo assistendo non è forse il prodotto di un conflitto planetario scatenato più di un decennio fa in nome del profitto, un conflitto che ha armato la mano di coloro che oggi minacciano la nostra incolumità e che quasi ogni giorno seminano terrore e morte in tutto il mondo arabo? Michel Onfray, partigiano del libero pensiero che non ammette compromessi, cerca di rispondere a queste domande cruciali affidandosi alle armi della critica e all’analisi delle fonti, in un libro «vietato» in Francia, dove il dibattito pubblico si sta progressivamente omologando alla narrazione imposta dalle autorità e alle semplificazioni dei media. Per questo, il libro che qui presentiamo costituisce la prima edizione mondiale.

Mantenere la lucidità, avere il coraggio di analizzare i fatti per quello che sono, senza infingimenti e ipocrisie, permette di tracciare una via di uscita da una catastrofe annunciata che nessuno sembra avere intenzione di scongiurare. Pensare l’Islam vuole contribuire al risveglio della razionalità in un mondo sempre più assediato dai demoni della follia, prima che sia troppo tardi.

Per chi ma i gialli:

Andrew Nicoll

La vita segreta e la strana morte della signorina Milne

In libreria dal 25 febbraio

image001(2).jpg

 

Nulla è come sembra a Broughty Ferry, tranquillo paesino sulla costa scozzese. Jean Milne, ad esempio, è una matura zitella che vive sola in una lussuosa villa di ventitré stanze (quasi tutte chiuse) ed è, per i suoi concittadini, un modello di rispettabilità. Eppure, quando viene trovata brutalmente assassinata nella sua abitazione con i piedi legati e il cranio fracassato, l’immagine pubblica, che così a lungo ha resistito, comincia a incrinarsi. Chi può avere ucciso in maniera tanto feroce una signora così riservata? E perché, di colpo, conoscenti e testimoni diventano elusivi e reticenti? E chi è l’uomo che, su carta violetta, le ha scritto, alla vigilia dell’assassinio, una lettera a dir poco personale? La notizia del crimine si diffonde rapidamente per tutta la Gran Bretagna, suscitando nei lettori delle gazzette una curiosità così morbosa che la polizia si sente subito sotto pressione: bisogna trovare un colpevole e bisogna trovarlo in fretta, anche a costo di qualche procedura non proprio scrupolosa. A indagare, con i più moderni ritrovati della scienza investigativa (siamo nel 1912), viene chiamato da Glasgow l’ispettore Trench, un esperto per i casi più difficili, affiancato dall’attento sergente Frazer, agente della polizia locale. Man mano che i due scavano nella vita della signorina Milne, i segreti della sua esistenza vengono a galla. E alla fine sarà uno shock per tutti. Basato su una storia vera, e ricostruito grazie a una meticolosa ricerca negli archivi della polizia e nei giornali dell’epoca, questo caso viene riaperto con sapiente talento narrativo e tocchi di britannico humour.

Per i single (ma non troppo):

Liz Tuccillo

SINGLE

ma non troppo

unnamed.jpg

Essere single, o forse meglio zitelle: una maledizione o una scelta di vita? Possibile che tante donne belle, intelligenti, in carriera, non riescano a trovare un uomo che sappia amarle e proteggerle come meritano, e continuino a collezionare solo rapporti sbagliati? Se lo chiede Julie, brillante scrittrice di Manhattan, dopo una serata disastrosa con le sue quattro migliori amiche, una serata iniziata a ballare scatenate sul bancone di un bar e conclusasi al pronto soccorso. La domanda «Perché non riesco a trovare un uomo?» non se la pongono solo Julie e le sue amiche di New York, ma anche centinaia di donne in ogni parte del mondo, così Julie decide di affrontare il problema da scrittrice. Partirà per un viaggio ai quattro angoli del pianeta, dalla Francia all’Australia, passando per Roma, Rio de Janeiro, Pechino e Nuova Dehli, in un’avventurosa indagine sulla ricerca dell’amore, sul sesso, sulla passione ma anche sull’amicizia, la solidarietà, la complicità femminile. Mentre Julie viaggia e incontra donne diverse con gli stessi problemi, a New York le sue amiche continuano la loro difficile esistenza, fra tradimenti, tragici appuntamenti al buio, ricerca di donatori di sperma e battaglie per l’affidamento dei figli… Esiste una regola dell’amore? O forse il bello dell’amore è proprio non avere regole? Dall’autrice della serie cult Sex and the City, una nuova, esilarante commedia sull’amore e sul sesso, una storia in cui ogni donna, single o no, saprà riconoscersi con una risata liberatoria.

Per i giovani adulti:

Everneath

Brodi Ashton

unnamed everneath.jpg

A    volte    l’Inferno    è    più    vicino    di    quanto    immagini.        Per    molte,    moltissime    settimane    Nikki    Bennett    è    scomparsa,    svanita    nel    nulla.    Senza    nemmeno    una    parola    o    una    spiegazione.    Perché    una    spiegazione    razionale    per    quello    che    le    è    successo    non    c’è.    Nikki    è    stata    risucchiata    all’Inferno,    imprigionata    in    un    mondo    disperato    e    privata    di    tutte    le    emozioni.    Adesso,    però,    le    è    stata    data    una    possibilità:    quella    di    tornare    a    casa    per    sei    mesi,    sei    mesi    soltanto.            Nikki    è    decisa    a    riprendersi    la    propria    vita.    Vuole    trascorrere    ogni    singolo    minuto    con    la    famiglia    e    con    Jack,    il    ragazzo    che    ama    più    di    se    stessa.    Ma    c’è    un    problema:    Cole,    l’Eterno    dal    fascino    oscuro    che    l’ha    seguita    dall’Oltretomba    e    che    è    pronto    a    tutto    pur    di    riaverla.    Nikki    sa    di    avere    pochissimo    tempo    per    cambiare    il    proprio    destino.    Prima    che    l’Inferno    la    reclami…    questa    volta    per    sempre.            L’indimenticabile    storia    di    un    amore    maledetto    e    immortale.    Il    mito    classico    di    Persefone    torna    a    vivere    nelle    pagine    del    primo di una nuova, bellissima serie dalla suggestiva cornice paranormale.

Per i fantascientifici:

La trilogia di Marte

Kim Stanley Robinson

index.jpg

A partire da luglio 2016, Fanucci porterà in libreria e sui vostri e-reader la Trilogia di Marte di Kim Stanley Robinson.

I romanzi Red Mars (unico volume già pubblicato in Italia, nel 1995, con il titolo Il rosso di Marte), Green Mars Blue Mars raccontano la colonizzazione del pianeta Marte e il conseguente processo orientato a renderlo abitabile per gli esseri umani. Lo spazio come nuova frontiera, la colonizzazione di pianeti lontani e l’ingegneria genetica sono alcuni dei temi trattati in questa saga fantascientifica, tra le più importanti degli ultimi decenni.

Annunci

4 thoughts on “#Inlibreria!

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...