#ScrittoDaMe: Un mostro

Cari lettori occasionali, oggi vi lascio un racconto molto breve scritto da me qualche tempo fa. Una cosa sulle paure dell’infanzia che non ci decidiamo ad affrontare. Ma forse no. Raramente i miei racconti sono solo quello che sembrano 😉


Dentro la mia vasca da bagno c’era un mostro. Da piccola ne ero certa, tanto che mia madre riusciva a convincermi ad entrare nella vasca solo dopo un duro negoziato. Le vittorie si pagano care e alla soddisfazione finale di ficcarmi nell’acqua bollente seguiva il tedioso dovere di rimanere per un’ora seduta sul water a farmi la guardia, perché ero fermamente convinta che se lei avesse discosto lo sguardo il mostro sarebbe comparso per trascinarvi via con se e divorarmi.

Nemmeno ora, dopo tutti gli anni che sono passati, saprei dire che forma avesse quel mostro che mi terrorizzava o in quale forma si sarebbe manifestato.

Avevo paura che d’un tratto il fondo della vasca si aprisse e mi inghiottisse tutta intera; avevo paura che lo scolo dell’acqua si trasformasse in un vortice impetuoso e senza pietà e mi attirasse dentro il tubo di scarico come un animale feroce e vorace con avidi denti di metallo che mi avrebbero fatta a pezzi come in un tritacarne; avevo paura che sotto la superficie dell’acqua, coperta dalla schiuma profumata, spuntasse un enorme squalo affamato pronto ad azzannarmi o che semplicemente, avanzando coi piedini nell’acqua, avrei finito col toccare i denti appuntiti di una creatura viscida e famelica.

Probabilmente ero semplicemente spaventata dal fatto di trovarmi in uno spazio ristretto e chiuso. La vasca mi sembrava un’enorme bocca aperta e non capivo perché io dovessi immergermici. Chi mai avrebbe fatto il bagno nella bocca aperta di una balena? Nessuno sano di mente. Per di più, l’acqua diventata torbida per via della schiuma mi impediva di vedere sotto la superficie e non sapere cosa ci fosse là sotto, oltre alle mie gambe, mi metteva addosso un’enorme ansia.

Queste però sono considerazioni che faccio a posteriori. Quale che fosse la spiegazione della mia fobia, per anni la sola idea di fare il bagno mi costava un considerevole sforzo di autocontrollo. Dio, ero certa di sentire davvero quei denti, quella presenza in agguato. Lui era lì e io lo sapevo. Mi aspettava. Aspettava il momento in cui mia madre sarebbe andata a rispondere al telefono o a controllare la pasta sul fuoco e mi avrebbe risucchiata.

Quando fui abbastanza grande per lavarmi da sola optai decisamente per una sana, veloce, limpida doccia. Nella doccia l’acqua non poteva avvolgermi.

Oramai sono cresciuta, ho molti anni sulle spalle, eppure quella storia del mostro della vasca non mi ha mai veramente lasciata in pace. Ad esempio, al mare non faccio mai il bagno quando l’acqua è troppo agitata. Ho troppa paura di quello che potrebbe essere in agguato sul fondo, nascosto dalla sabbia e dalle alghe. Quando decido che non è giornata da bagno nessuno è in grado di convincermi a muovere un passo. Fino a non molto tempo fa -un po’ mi vergogno a raccontarvi questo ma tant’è- ero convinta che quella presenza mi cercasse ovunque, non solo nella vasca da bagno. Mi sembrava di percepire la sua presenza al mare e persino in piscina, ma non ne ho mai parlato con nessuno per paura di essere ritenuta infantile o più semplicemente matta.

Ho pensato molto a questa mia paura irrazionale, ho analizzato me stessa e sono arrivata alla conclusione che è ora di metterla da parte, di superarla. Accidenti a me e alle mie paure di bimba. Sono adulta e vaccinata, vivo da sola oramai, la mamma non mi serve più. Il mostro di cui avevo tanta paura non si è mostrato neppure una volta, dimostrazione ne è che io sono qui a raccontarvi queste cose. Questo vuol dire che posso godermi un bagno, ormai! Per sconfiggere i fantasmi bisogna affrontarli. Non esiste altro modo.

Oggi è il gran giorno in cui affronto il mostro della vasca da bagno. È tutto già pronto. L’acqua è calda, la schiuma bianca galleggia morbida, il profumo è inebriante e ho acceso anche qualche candela.

In realtà provo ancora un po’ di timore ma continuo a ripetermi che si tratta di una reazione esagerata. Non c’è e non potrà mai esserci nulla che non abbia inserito io stessa, dentro quella vasca. Suvvia! La presenza di un “mostro” è oggettivamente, fisicamente e logicamente impossibile! Da piccola ero suscettibile, minuta e sensibile ma è normale, quando si è così giovani. È normale avere qualche paura stupida.

Chissà perché mi era venuta, non sono mai riuscita a capirlo…

Chissà cosa ci avevo visto in quella vasca, per esserne tanto spaventata, o che pensieri assurdi il mio subconscio di infante andava agitando.

Ora però basta temporeggiare…

Vado.


Secondo voi com’è andata a finire? Lasciatemi un commento!

Annunci

5 pensieri su “#ScrittoDaMe: Un mostro

  1. Non so dirti come sia finita; quello che mi auguro è che tu sia riuscita a sconfiggere la paura del mostro… Complimenti, mi è molto piaciuto quello che hai scritto, brava!
    Ti auguro una serena notte e sogni belli! ❤

    Mi piace

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...