#TiConsiglioUnaSerie: And then there were none…

Cari lettori,

questo è un post con vaghi spoiler, sempre dedicato agli orfani di Netflix che non sanno proprio più a che serie rivolgersi. Ecco un bell’adattamento, con un ottimo cast e una storia che vi torcerà le budella come la prima volta che avete letto il romanzo.

Fatemi sapere cosa ne pensate, miei adorati, e se avete letto il libro o visto questa serie, o se vi ho incuriositi.

Baci in fronte a tutti,

G.

91puo63akl-_sl1500_Tratto da “Dieci piccoli indiani”, il celeberrimo romanzo di Agatha Christie (che in inglese si intitola, appunto, “And then there where none”), la serie segue la vicenda dei dieci personaggi invitati dai coniugi Owen presso la loro abitazione su un’isola disabitata. Dieci invitati, dieci segreti da nascondere e una inquietante filastrocca appesa in ognuna delle camere, una filastrocca che parla della morte di dieci piccoli indiani…

“And then there where none…” è una miniserie del 2015, prodotta e trasmessa da BBC One in occasione del 125° anniversario della nascita di Agatha Christie. Il cast è stellare. Per dire, il signor Lombard è interpretato da Aidan Turner (Poldark, Lo Hobbit, Being Human…), il giudice Wargrave è Charles Dance (Tywin Lannister, per capirci), il dottor Armstrong è Toby Stephens (figlio di Maggie Smith -la professoressa McGranitt- e interprete, tra le altre cose, del Capitano Flint in Black Sails e di Gustav Graves in La morte può attendere, film della saga di James Bond), Burn Gorman (Pacific Rim, Crimson Peak, anche Il trono di spade e The man in the high castle) nei panni del signor Blore e via dicendo (cast completo qui), per una delle migliori trasposizioni di questo romanzo che io abbia mai visto.

La resa cinematografica è praticamente perfetta. La solitaria villa sull’isola un luogo d’incanto ma anche un prigione dorata e un luogo spettrale, desolato e maledetto come nella migliore tradizione dei racconti di fantasmi. La caratterizzazione dei personaggi è magistrale e il notevole talento degli attori rende la comitiva dei dieci invitati viva e presente. Anche chi compare per poco lascia comunque il segno, nel pieno rispetto del romanzo.

La sceneggiatura si prende alcune libertà e in alcuni (pochi) punte devia dal tracciato originale ma si tratta di aggiunte, più che di cambiamenti veri e propri. Nel complesso, l’adattamento è quanto più vicino e fedele potesse essere all’opera della Christie ma senza rinunciare ad un tocco di contemporaneità che non guasta e anzi si lega alla trama e la impreziosisce.

Un intervento discreto, dunque, che nulla toglie al punto forte della serie: l’atmosfera. “Dieci piccoli indiani” è un romanzo claustrofobico, non tanto nel ritmo della narrazione ma nella certezza del destino che attende i personaggi, la fine inesorabile che si avvicina al ritmo di una filastrocca per bambini. La serie riesce a restituire proprio questo. Costruisce i personaggi, li fa conoscere agli spettatori, lascia che questi vi si affezionino e poi, un po’ alla volta, li svela e li punisce.

Non c’è un attimo di respiro. Poco alla volta gli ospiti iniziano a scivolare nella paranoia o nella disillusione e lo spettatore con loro, diviso tra la volontà di veder mettere in scena la pur celebre, epica conclusione e la speranza che un colpo di scena avvenga e qualcuno si salvi.

Ma perché dovrebbero salvarsi, dopotutto, quando sono colpevoli proprio di essere sfuggiti troppo a lungo dalla giustizia?


P.s: E per finire in bellezza e ricordarvi che sono solo una cialtrona che si da delle arie, eccovi Aidan Turner nei panni del signor Lombard: avventuriero, lingua tagliente, sguardo assassino e, alla bisogna, addominale scolpito. (Cliccate qui, per capire di cosa parlo.)

2fa49ea400000578-3376043-image-a-5_1451292760488

E per farvi un’idea più completa basandovi su siti più attendibili del mio, potete dare un’occhiata qui e qui.

 

 

Annunci

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...