I preferiti di settembre

Cari lettori occasionali,

settembre è passato, l’autunno è iniziato e io sono qui a parlarvi delle cose degne di nota successe o utilizzate durante gli scorsi trenta giorni.

Preparatevi al mese di Halloween, perché i prossimi articoli saranno quasi tutti a tema.

Love ya,

G.


Evento

Se avete la card di Mac, in occasione del vostro compleanno potete richiedere mezz’ora di trucco gratis. Io l’ho fatto ed è un’esperienza molto piacevole. Il rischio di spesa compulsiva è piuttosto altro, quindi mettete in conto che almeno uno dei trucchi che useranno su di voi vi rimarrà magicamente incollato alle mani.

Evento-9

Questo mese sono andata al cinema a vedere due film: “Valenian e la città dei mille pianeti” e “Kingsman: il cerchio d’oro”.

Risultati immagini per kingsman il cerchio d'oro

Quest’ultimo è il seguito di “Kingsman: secret service”, un film del 2015 che io e molti altri abbiamo amato così tanto da rimanere piuttosto delusi del suo sequel.

Non che sia brutto, tutt’altro, ma mancano gli elementi di sorpresa e novità che invece abbondavano nel primo episodio e i nuovi personaggi, gli Statesman -ovvero i cugini americani delle spie Kingsman, con nomi in codice ispirati agli alcolici-, non reggono il confronto con i loro antecedenti. Forse avrebbero dovuto caratterizzarli meglio.

E poi non dovevano uccidermi chi mi hanno ucciso. Dubito che potrò mai perdonare la produzione. Inaccettabile.

Risultati immagini per valerian e la città dei mille pianeti

Dunque il podio se lo aggiudica “Valerian”, un film di Luc Besson tratto da una serie di fumetti francese, “Valerian et Laurelin”, molto famosa negli anni Sessanta. A quanto pare, da bambino il regista ne era appassionato e per anni ha rimandato il progetto per riuscire a rendere giustizia al materiale originale con l’utilizzo di una tecnologia più avanzata.

A quanto si evince facendo una ricerca nell’Internet, “Valerian” è stato pesantemente bistrattato dal pubblico e dai critici americani. In quanto a pubblico, io punto sull’ignoranza generale, per quanto riguarda la critica qualcuno grida al gombloddo: gli ammeregani non vogliono che qualcun altro riesca a mettere in piedi un film d’azione, per di più spaziale, bene quanto lo fanno loro.

Purtroppo però “Valerian” è visivamente bellissimo e presenta scelte interessanti mai viste prima (vedi, il mercato pluri-dimensionale), le battaglie sono ben coreografate, il ritmo non annoia ma è l’approccio al film che è completamente diverso da quello americano.

Niente catastrofismi, niente enormi combattimenti pieni di esplosioni, nessun discorso incoraggiante alle truppe, niente protagonisti maschioni coi muscolazzi, niente dobbiamo salvare il mondo, niente attacchi alla terra. Valerian è più una specie di favola mischiata a un accidentato corso prematrimoniale. C’è una gran dose di ironia, una quasi assoluta parità tra i due protagonisti, una vicenda centrale in tono “minore” rispetto a ciò a cui siamo abituati e addirittura del romanticismo d’altri tempi (perché è pur sempre un film francese e insomma, i francesi so’ fissati col sentimentalismo). E poi la parte di Rihanna è davvero figa.

Insomma, mi è sembrato un ottimo prodotto, diverso da ciò a cui siamo abituati, e quando sono uscita dalla sala ho pensato che lo avrei rivisto volentieri, una cosa che non mi succede mai dopo i blockbusteroni americani.

Evento-2

Purtroppo, ho letto meno di quanto avrei voluto ma ho molto amato “Da leggersi all’imbrunire”, di Charles Dickens. Una raccolta di storie di fantasmi ottima soprattutto per il periodo di Halloween.

Evento-10

Sicuramente Brooklyn 99, che ho iniziato pochi giorni fa e che già amo follemente. Si tratta di una sorta di serie-sitcom para-poliziesca che segue le vite e i casi di una squadra di detective di Brooklyn. Li amo tutti ma Andy Samberg un po’ di più.

Risultati immagini per brooklyn 99

La serie è arrivata alla quinta stagione e su Netflix potete trovare le prime tre.

Risultati immagini per dickensian

Invero, prima di Brooklyn 99 c’è stata Dickensian, una serie della BBC popolata dai personaggi inventati proprio da Dickens. Il motore che mette in moto la vicenda è l’assassinio di Jacob Marley, collega di Ebeneezer Scroodge, che noi conosciamo sotto forma di fantasma in “Il canto di Natale”. La recitazione degli attori è ottima, i personaggi sono cesellati e unici e la mia attenzione è stata catturata dal primo secondo del primo episodio. In particolare, ho amate l’arco narrativo di Amelia Havisham, la stessa Amelia Havisham di Grandi Speranze.

Evento-6

Impossibile non citare due regali che hanno segnato il mio compleanno:

questa maglietta

Risultati immagini per bershka maglietta despacito

e questo pigiama da unicorno.

nor

Adoro.

E poi, la moneta di Mad Sweeney fatta a mano da una mia amica. Speriamo che porti altrettanta fortuna!

nor

Evento-4

 

Sushi.

IMG_20170927_202109.jpg

 

Enough said.

 

 

Annunci

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...