Super iniziativa: 2000 ebook a partire a 1,99 euro!

Salve a tutti, vi scrivo per segnalarvi questa magnifica iniziativa delle case editrici del gruppo GeMS!

Solo per domani, 19 luglio, ci saranno 2000 ebook in offerta specialissima a 1,99 euro! Credo che sia il caso di fare man bassa. Voi che ne dite?

Di seguito, riporto il comunicato con tutte le info:

 

OLTRE 2.000 EBOOK IN OFFERTA SPECIALE

IL 19 LUGLIO a €1,99

 

Più di 2.000 titoli ebook in promozione domani, 19 luglio, al prezzo di 1,99€ ciascuno su tutti gli store.

Più di 2.000 titoli ebook in promozione domani, 19 luglio, al prezzo di 1,99€ ciascuno su tutti gli store.

Un’offerta che comprende un’ampia varietà di generi, dai romanzi d’amore ai gialli, dai thriller ai romanzi d’avventura, dai classici alla saggistica, senza dimenticare i libri per i più piccoli.

I cataloghi di Salani, Editrice Nord, Vallardi, Corbaccio, Ponte alle Grazie, TEA, tre60, Magazzini Salani, APE JUNIOR, NORD-SUD EDIZIONI e La Coccinella, saranno in promozione per un solo giorno su tutti i principali store. In promozione anche il catalogo dei romanzi pubblicati dal concorso letterario ioScrittore. Tra gli autori in promozione Robert Galbraith (pseudonimo di J.K. Rowling), Glenn Cooper, Marie Kondo, James Patterson, Jennifer Probst, Charlotte Link, James Rollins, J. Lynn, Diana Gabaldon, Gianni Simoni, Giorgio Nardone, Albert Espinosa, Sarah Waters, Margaret Atwood.

“L’estate è il momento migliore per la lettura di ebook – commenta Alessandro Magno, Direttore area digitale GeMS – non solo perché si ha più tempo libero, ma anche perché la lettura digitale consente di portare in vacanza, su tablet, ereader o smartphone, un’intera biblioteca, senza appesantire la valigia. Per questo abbiamo pensato a una promozione irripetibile, in cui oltre duemila titoli, per un giorno, sono ad un prezzo incredibile, inclusi i maggiori best seller degli editori coinvolti. Tanti ebook per tutti i gusti, per chi non ha ancora scelto le letture per l’estate e per chi vuole provare la lettura digitale“.

La promozione è attiva su tutti gli store ebook. Di seguito i link ad alcuni dei principali:

IBS http://www.ibs.it/ebook/ser/serpge.asp?cpgn=1429&srt=pws

Kobo https://store.kobobooks.com/p/SaldiGEMS2016

Amazon/GiuntialPunto: http://goo.gl/41dBf2

Di seguito i link specifici ai cataloghi delle varie case editrici:

Casa Editrice Nord:

IBS: http://www.ibs.it/ebook/ser/serpge.asp?cpgn=2659&srt=PWS

Kobo: https://goo.gl/S6tFKE

Amazon: https://goo.gl/7na4YR

Salani:

IBS: http://www.ibs.it/ebook/ser/serpge.asp?cpgn=2663&srt=PWS

Kobo: https://goo.gl/yP35HO

Amazon: https://goo.gl/9v5Xw9

Vallardi:

IBS: http://www.ibs.it/ebook/ser/serpge.asp?cpgn=2655&srt=PWS

Kobo: https://goo.gl/9pi6O8

Amazon: https://goo.gl/kmrmCp

Corbaccio:

IBS: http://www.ibs.it/ebook/ser/serpge.asp?cpgn=2661&srt=PWS

Kobo: https://goo.gl/bd6xOa

Amazon: https://goo.gl/KxOPSy

Ponte alle Grazie:

IBS: http://www.ibs.it/ebook/ser/serpge.asp?cpgn=2658&srt=PWS

Kobo: https://goo.gl/DELSPV

Amazon: https://goo.gl/sPVVaj

 

TEA:

IBS: http://www.ibs.it/ebook/ser/serpge.asp?cpgn=2657&srt=PWS

Kobo: https://store.kobobooks.com/List/tea/nowfXkVVcsLumQjTq_7J_A

Amazon/GiuntialPunto: http://www.giuntialpunto.it/content/19-luglio-ebook-tea-offerta

Tre60:

IBS: http://www.ibs.it/ebook/ser/serpge.asp?cpgn=2656&srt=PWS

Kobo: https://store.kobobooks.com/List/tre60/7DlndIrAKcdkYQjTq_5FPw

Amazon: http://goo.gl/41dBf2

 

Magazzini Salani:

IBS: http://www.ibs.it/ebook/ser/serpge.asp?edi=3159&txt=Magazzini+Salani&ep=

Kobo: https://store.kobobooks.com/List/magazzini-salani/6C9YyirzjcccoQjTq_3TWw

Amazon/GiuntialPunto: http://www.giuntialpunto.it/content/19-luglio-ebook-magazzini-salani-offerta

 

IoScrittore:

IBS: http://www.ibs.it/ebook/ser/serpge.asp?cpgn=2660&srt=PWS

Kobo: https://store.kobobooks.com/List/io-scrittore/tXXlJxLuEcGRHwjTq_2VEg

Amazon/GiuntialPunto: http://www.giuntialpunto.it/content/19-luglio-ebook-io-scrittore-offerta

La Coccinella:

Kobo: https://store.kobobooks.com/List/la-coccinella/g2ahIFjZ6MOxAQjTq_3A3g

Amazon/GiuntialPunto: http://www.giuntialpunto.it/content/19-luglio-ebook-salani-nord-sud-ape-e-la-coccinella-offerta

APE JUNIOR:

IBS: http://www.ibs.it/ebook/ser/serpge.asp?edi=2042&txt=Ape+Junior&ep=

Kobo: https://store.kobobooks.com/List/ape/b8KsqyK_-MQYNQjTq_0wQQ

Amazon/GiuntialPunto: http://www.giuntialpunto.it/content/19-luglio-ebook-salani-nord-sud-ape-e-la-coccinella-offerta

NORD-SUD EDIZIONI:

IBS: http://www.ibs.it/ebook/ser/serpge.asp?edi=738&txt=Nord-Sud&ep=

Kobo: https://store.kobobooks.com/List/nord-sud-edizioni/vmhrFoqDBMsysQjTq_3yZQ

Amazon/GiuntialPunto: http://www.giuntialpunto.it/content/19-luglio-ebook-salani-nord-sud-ape-e-la-coccinella-offerta

Annunci

Chimamanda Ngozi Adichie: Dovremmo essere tutti femministi.

Clicca per leggere: Dovremmo essere tutti femministi

Qualcuno di voi avrà sentito parlare di Bossy. Si tratta di un sito internet italiano creato allo scopo di discutere “tematiche connesse alla discriminazione e disuguaglianza maschile e femminile, ai fenomeni di abusi e violenze, ai diritti LGBT.” Potete aprire la loro pagina cliccando qui.

Personalmente, seguo in Youtube (ma quanti youtubers seguo? Un sacco.) una delle ragazze coinvolte nella redazione di questo sito. Si chiama Irene e la trovate come Cimdrp.

In uno dei suoi video ho sentito parlare di questo articolo, o meglio della trasposizione di un bellissimo discorso fatto dalla scrittrice nigeriana Chiamamanda Ngozi Adichie. Ora, vi prego di leggerlo. Il titolo è d’impatto, no? Potrebbe far storcere il naso a qualcuno. Ebbene, anche se quel titolo vi disturba vi prego di leggere l’articolo comunque.

Perché, come spiega Irene nel video, “femminismo” non è il contrario di “maschilismo”. Per il resto vi lascio all’articolo. Buona lettura.


Perché siamo stufe dell'espressione "donna forte"

Perché siamo stufe dell’espressione “donna forte”

A tutte le donne che sono sinceramente stufe delle etichette, consiglio di vedere questo preve video e poi lasciarmi una loro opinione, se ne hanno voglia.

Sapete che vi dico io? Che sono totalmente d’accordo con ciò che viene detto nel video che troverete cliccando sul link e se avete letto anche solo una delle mie recensioni (su libri e film, è uguale) ve ne sarete resi conto.

C’è solo un’espressione che viene più bistrattata e male utilizzata di “donna forte” ed è “donna vera”. Chi può arrogarsi il diritto di decidere cosa è vero oppure no? E come? E perché? Secondo quale legge, quale diritto? Il concetto di “vero” è così labile che, come tutti possiamo constatare, è manipolabile e facilmente fraintendibile. Più in generale, ognuno ha la propria verità. Possiamo parlare di verità solo a proposito di fatti ben definiti, inconfutabili, come un avvenimento storico fissato e documentato, oppure un concetto matematico. Tutto il resto è nebbia, come diceva un comico di cui non ricordo il nome. Quindi come si fa a dire che una donna è una “vera donna”? Oppure che un uomo è un “vero uomo”? Per qualcuno, una vera donna potrebbe essere una creatura uscita dagli anni ’50, vestita in modo femminile, dedita ai figli e alla casa, mentre per qualcun altro potrebbe significare una atletica giovane meccanica che non ha idea di come preparare una frittata. Un vero uomo potrebbe essere un maschio alfa pieno di muscoli e donne così come un topo di biblioteca timido e sensibile. E tutti questi sarebbero comunque stereotipi!

Sinceramente, mi sento un po’ offesa quando leggo nei commenti o nei post queste espressioni arbitrarie e limitanti. Ad esempio, leggere sotto un articolo che riporta la notizia di qualche impresa femminile e leggere sotto commenti del tipo “Brava! Fai vedere a tutti cos’è una VERA DONNA”, mi fa storcere il naso tanto quanto l’immancabile insulto dell’uomo di mezza età che si sente in dovere di riaffermare la supremazia maschile. Sono entrambi commenti sessisti.

La questione è che dovremmo pensare più che altro ad essere “vere persone”.


Perché siamo stufe dell’espressione “donna forte”

Perché siamo stufe dell’espressione “donna forte”

A tutte le donne che sono sinceramente stufe delle etichette, consiglio di vedere questo preve video e poi lasciarmi una loro opinione, se ne hanno voglia.

Sapete che vi dico io? Che sono totalmente d’accordo con ciò che viene detto nel video che troverete cliccando sul link e se avete letto anche solo una delle mie recensioni (su libri e film, è uguale) ve ne sarete resi conto.

C’è solo un’espressione che viene più bistrattata e male utilizzata di “donna forte” ed è “donna vera”. Chi può arrogarsi il diritto di decidere cosa è vero oppure no? E come? E perché? Secondo quale legge, quale diritto? Il concetto di “vero” è così labile che, come tutti possiamo constatare, è manipolabile e facilmente fraintendibile. Più in generale, ognuno ha la propria verità. Possiamo parlare di verità solo a proposito di fatti ben definiti, inconfutabili, come un avvenimento storico fissato e documentato, oppure un concetto matematico. Tutto il resto è nebbia, come diceva un comico di cui non ricordo il nome. Quindi come si fa a dire che una donna è una “vera donna”? Oppure che un uomo è un “vero uomo”? Per qualcuno, una vera donna potrebbe essere una creatura uscita dagli anni ’50, vestita in modo femminile, dedita ai figli e alla casa, mentre per qualcun altro potrebbe significare una atletica giovane meccanica che non ha idea di come preparare una frittata. Un vero uomo potrebbe essere un maschio alfa pieno di muscoli e donne così come un topo di biblioteca timido e sensibile. E tutti questi sarebbero comunque stereotipi!

Sinceramente, mi sento un po’ offesa quando leggo nei commenti o nei post queste espressioni arbitrarie e limitanti. Ad esempio, leggere sotto un articolo che riporta la notizia di qualche impresa femminile e leggere sotto commenti del tipo “Brava! Fai vedere a tutti cos’è una VERA DONNA”, mi fa storcere il naso tanto quanto l’immancabile insulto dell’uomo di mezza età che si sente in dovere di riaffermare la supremazia maschile. Sono entrambi commenti sessisti.

La questione è che dovremmo pensare più che altro ad essere “vere persone”.



Donne senza figli

Ho 40 anni e neanche un figlio. E sono una donna felice – http://huff.to/1TT2dbw

La questione si meriterebbe un articolo molto più lungo e complesso, ma per ora vi lascio solo questo articolo dell’Huffington Post (Italia) che trovo molto giusto. Non è l’unico sull’argomento, ma è l’ultimo su cui ho messo le mani.

Donne che capitate su questo blog, vi andrebbe di lasciarmi il vostro parere dopo aver letto l’articolo? Io quoto l’autrice, e voi?

G.