#ICinque: Gialli gustosi

Cari lettori occasionali,

cosa c’è di meglio per combattere i bollori estivi di un po’ di freddi cuori sociopatici, facce di bronzo e oscuri segreti? La risposta è: molte cose, ma continua pure. Ecco dunque che in questa nuova puntata de #ICinque vi consiglio cinque gialli interessanti:

 

Per chi ama l’arte e/o i casi più originali: Ninfee Nere

 

cover_9788866327769_1635_600

Uno dei libri più belli letti l’anno scorso. Uno dei gialli più strani su cui abbia messo le mani. Tre donne, tre storie che si intrecciano con uno sfondo d’autore: lo stagno presso cui Monet dipinse le sue famose ninfee.
Ne ho già scritto una recensione, che vi lascio qui: Recensione Ninfee Nere

Link Amazon, per chi fosse interessato: http://amzn.to/2wwkG8e

 

 

 

 

 

Per chi ama i casi a sfondo storico e/o le streghe: La randagia

 

51dqviqqrll-_sx301_bo1204203200_

Tra le montagne della Val d’Aosta due storie scorrono in parallelo. Una ha luogo nel XV secolo e ha come protagonista Britta, giovane figlia di un apotecario, che cura gli abitanti del vicino villaggio ma scatena anche rabbia e gelosia e per questo viene accusata con l’inganno di stregoneria. Nell’altra, ambientata ai giorni nostri, una ricercatrice sta seguendo le tracce lasciate secoli prima proprio da Britta quando si imbatte nel cadavere di una giovane donna.

Morti, mistero e superstizioni che non muoiono mai, il tutto ambientato tra le montagne, in piccoli villaggi che nonostante tutto non abbandonano le loro vecchie faide.

Link Amazon: http://amzn.to/2wKJtEZ

 

 

 

Per chi ama i gialli classici ma di qualità e/o la letteratura scandinava: La serie del commissario Wallander

Assassino senza volto: La prima inchiesta del commissario Wallander: 1 di [Mankell, Henning]

Henning Mankell ha scritto la serie del Commissario Wallander (che è anche una serie tv che a me piace assai). Classico e ottimo esempio di giallo scandinavo, i casi sono oscuri come i paesaggi della Scania (luogo dove sono ambientati i romanzi) e violenti, ma le inchieste sono lente, si prendono il loro tempo, indagano a fondo i personaggi. Una serie poliziesca con i fiocchi, che si dedica a temi attuali prendendosi il suo tempo.

Link Amazon: http://amzn.to/2vlxgIN

 

 

 

 

 

Per chi ama il mistero, nebbioso e pieno di leggenda: La serie degli Evangelisti

Ve l’avrò consigliato almeno altre dieci volte, ma lo farò ancora: i romanzi di Fred Vargas valgono la pena di essere letti. Due sono le serie scritte da questa autrice francese, quella che ha come protagonista il commissario Adamsberg, e quella che ha come protagonisti i “tre evangelisti”. Questi sono tre ricercatori universitari, storici, squattrinati, che per necessità economiche finiscono per condividere una vecchia casa insieme allo zio, ex poliziotto, di uno di loro. Inevitabilmente, i tre giovani (soprannominati dallo zio “i tre evangelisti”) saranno coinvolti nei casi più disparati.

Link Amazon: http://amzn.to/2uIFGXt

 

 

 

Per chi ama i gialli alla Sherlock, l’ironia e i bambini geniali: La serie di Flavia de Luce

 

Ho scoperto questa serie quasi per caso, attirata da uno sei titoli, ovvero “A spasso tra le tombe”. Poi ho capito che si trattava di una serie e ho ricominciato dall’inizio, ovvero da “Flavia de Luce e il delitto del campo di cetrioli”. Ma di cosa si tratta? Flavia de Luce è una ragazzina di dodici anni, appassionata di chimica ed esperta di veleni. Vive in una vecchia e decadente magione nella campagna inglese insieme a due sorelle (una col naso sempre nei libri, l’altra molto presa a rimirarsi nello specchio) e il padre, filatelico e taciturno. Nel mentre, risolve i delitti che accadono nei paraggi. Nel primo volume della serie, Flavia trova un uomo morto nell’orto di casa sua. Eccitata da un’esperienza così interessante, vede in questo fatto l’occasione per indagare e aiutare il padre, accusato dell’omicidio.

A metà tra Anna dai capelli rossi e Sherlock Holmes.

Link Amazon: http://amzn.to/2vpFhej

 

Menzione d’onore:

Il giallo all’italiana: I casi del commissario Santoni

Marzio Santoni, il Lupo Bianco, risolve casi a Valdiluce, un’amena valle di montagna ma, come ogni altro luogo del mondo, piena di segreti e malvagità. I casi sono ben congeniati, misteriosi, e l’ambientazione montana, per quanto mi riguarda, conferisce a tutto un’aura di fascino.

Link Amazon:http://amzn.to/2wKLf9h

 

 

 

 

 

 

Per i nostalgici di Agatha Christie: La serie di Penelope Poirot

La nipote di Hercule Poirot, convinta di aver ereditato il geniale intuito del suo illustre parente, gira il mondo e finisce, in qualche modo, per risolvere davvero dei casi. A metà tra giallo e romanzo comico, Penelope e Velma, la sua assistente, sono adorabili e perfette per una lettura leggera ma soddisfacente.

Link Amazon: http://amzn.to/2hMU5jV

 


 

E voi, lettori occasionali, conoscete uno di questi titoli? Ne avete letto qualcuno? Avete dei gialli da consigliarmi?

XoXo

G.

Annunci

#InLibreria!

Salve a tutti, miei bellissimi lettori occasionali. Sono tornata con uno dei miei classici #InLibreria!, una selezione delle migliori novità presto in arrivo sugli scaffali. Come al solito, fatemi sapere quale vi incuriosisce di più!

XoXo

G.


Newton Compton

9788822705914_0_0_300_80
La casa dei profumi dimenticati
Jan Moran
Pagine: 352
Prezzo: 5,90 euro
Nella California degli anni Cinquanta, Caterina e Santo, un giovane italiano cresciuto con lei nella tenuta vinicola di Milles Étoiles, consumano una notte di passione dopo la quale lei si scopre incinta. Respinta dalla famiglia e dalla società per aver scelto di tenere la figlia illegittima, Caterina decide di partire per l’Italia, dove si trova il casale ricevuto in eredità da una vecchia zia. Una volta giunta a Montalcino, Caterina scopre un mondo nuovo e allo stesso tempo antico, fitto di misteri e intrighi che coinvolgono tutta la famiglia, e in particolare suo padre Luca e lo stesso Santo. Tra l’armonia delle colline toscane, i lussureggianti vigneti della California e la magia della Ville Lumière, prende vita una vicenda familiare intricata, ricca di passioni, segreti e verità nascoste che coinvolge e seduce fino all’ultima pagina.

9788822706348_0_0_300_80

Cominciò tutto per caso

Nina Lupi

Pagine: 320

Prezzo: 10 euro

Quando Elena, il giorno del suo compleanno, scopre per caso che il marito l’ha tradita, fa le valigie e parte con il figlio per l’Italia, verso la regione dove ha passato l’infanzia, la Puglia. Arrivata a Lecce, si stabilisce nel palazzo nel quale vive suo zio Gigi ed è qui che incontra Michele, un giovane pittore romano, anche lui trasferitosi da poco in Puglia. Tra i due nasce ben presto una simpatia. Durante una passeggiata notturna, sotto il cielo stellato di Lecce, Michele ed Elena fanno una scoperta che rischia di complicare non poco la vita dell’intera città e che li coinvolge più di quanto possano immaginare. Si tratta di un segreto di famiglia, che qualcuno ha voluto tenere nascosto per molto tempo…

Rizzoli

519lky7m2brl-_sx332_bo1204203200_Dieci piccoli infami
Selvaggia Lucarelli
Pagine: 226
Prezzo: 17 euro
La migliore amica che tradì la sua fiducia dopo cinque anni, quelli delle elementari, di complicità ininterrotta e simbiosi pressoché totale. Un parrucchiere anarchico, poco incline all’ascolto delle clienti e molto a gestire taglio e colore in assoluta libertà. Il primo ragazzo a essersi rivolto a lei chiamandola gentilmente “signora”. Un ex fidanzato soprannominato Mister Amuchina per la sua ossessione paranoide verso l’igiene e l’ordine, prima che un incidente ponesse provvidenzialmente fine all’asettica relazione. La suora che avrebbe voluto fare di lei la prima “Santa Selvaggia” della storia. Sono solo alcuni dei personaggi inseriti da Selvaggia Lucarelli nella sua personalissima blacklist, un girotondo di piccoli infami che, più o meno inconsapevolmente, l’hanno trasformata anche solo per pochi minuti in una persona peggiore. Dopo il grande successo di Che ci importa del mondo, suo romanzo d’esordio, Selvaggia Lucarelli ci consegna un libro scritto con sincerità, autoironia e con il suo inconfondibile stile corrosivo. Perché Dieci piccoli infami non è solo una rassegna di incontri sciagurati ma un’autentica resa dei conti: con i mostri più o meno terribili in cui inciampiamo nella vita e anche un po’ con la nostra capacità di riderne e di (non riuscire proprio a) perdonare.

Piemme

9788856660333_0_0_300_80L’altra donna
Susan Crawford
Pagine: 300
Prezzo: 18,50 euro
È un giorno di neve quando la macchina di Joe slitta sul ghiaccio e lo schianto contro un albero lo uccide sul colpo. La donna che è al suo fianco non può fare nulla per aiutarlo. Perché non avrebbe mai dovuto trovarsi lì, in quella macchina, accanto a quell’uomo che non è suo marito. Per salvare la sua vita – il lavoro, il matrimonio, la sua amata bambina Lily – Dorrie decide in una frazione di secondo: abbandona la macchina, tornando alla sua vita di prima come se nulla fosse. D’altra parte è sempre stata una brava attrice, e ha recitato molte parti: la figlia devota, la moglie soddisfatta – e ora si prepara alla performance più importante. Peccato che alcuni dettagli dell’incidente e della morte di Joe non convincano la polizia, e che la vedova di Joe sappia molte più cose di quante lui e Dorrie avessero immaginato…
9788856634365_0_0_300_80Tutta colpa di Mr. Darcy
Shannon Hale
Pagine: 240
Prezzo: 18,50 euro
Che cosa distingue una semplice lettrice di Jane Austen da Jane Hayes? Tutto: nella sua testa parole come “orgoglio”, “pregiudizio”, “ragione”, “sentimento” hanno un significato ben diverso da quello del dizionario, e soprattutto, per lei, non c’è nessun uomo al mondo di cui valga la pena innamorarsi. Perché nessun uomo è e sarà mai Fitzwilliam Darcy – tranne Colin Firth nella migliore interpretazione della sua carriera, si capisce. Così, anche se Jane è una single trentenne che potrebbe godersi la vita a New York, le sue chance in amore sono regolarmente sabotate dalla sua fissazione platonica. Finché un viaggio la porta dove ha sempre sognato di andare: complice l’eredità di una prozia, Jane parte per Pembrook Park, Inghilterra. L’unico posto dove, tra costumi d’epoca, carrozze, balli di gala e rigida etichetta, per una modica cifra anche tu puoi vivere il tuo sogno austeniano. E magari innamorarti… Nella villa fuori dal tempo che la accoglie, piena di stanze e servitù, tra personaggi bizzarri che non si fanno problemi a vivere per qualche giorno nel passato, Jane conoscerà un giardiniere belloccio, ma si scontrerà anche con un gentiluomo che si crede un po’ troppo affascinante… E forse vivrà finalmente il sogno più bello. Quello da vivere nella realtà. Un romanzo delizioso, per le appassionate di Jane Austen, ma soprattutto per chi ha voglia di concedersi una storia semplicemente e meravigliosamente romantica.

Bompiani
9788845293276_0_0_300_80La pallina assassina
Olséni&Hansen
Pagine: 384
Prezzo: 16 euro
Giugno a Falsterbo è perfetto per giocare a golf. Lo sanno bene i due maturi amici Egon e Ragner, che come di consueto sono già in campo molto presto la mattina. Li raggiungono Elisabeth e Märta, fresca vedova, già amante di Ragner in gioventù. Durante la partita i quattro trovano in un bunker il corpo di Sven Silfverstolfe, ricco imprenditore nonché proprietario del campo. Il morto ha un vistoso livido sulla tempia, e gli amici si convincono di essere responsabili della sua morte grazie a un tiro particolarmente riuscito. Il nipote di Egon, Fredrick, interpellato sul da farsi, consiglia loro di cancellare le tracce e lasciare tutto com’è. I quattro invece decidono di inscenare un suicidio, ma vengono ben presto smascherati. Va da sé che non sono loro i colpevoli: Sven era detestato da molti. L’amante Madeleine, che ha abbandonato dopo la nascita del figlio svuotandole il conto; Sophia, la giovane moglie che gli rivela di aspettare un bambino – che non può essere suo; e ancora, gli investitori di un suo progetto fallito.
9788845293252_0_0_300_80Intima apparenza
Edith Pearlman
Pagine: 288
Prezzo: 19 euro
Che si tratti di una donna che ascolta le involontarie confessioni di chi sta facendo la pedicure, di un bambino speciale dotato di visione pentacromatica, dei dipendenti di una casa di cura o di un compito professore di latino chiamato a tenere una lezione sul mistero della vita e della morte, Edith Pearlman riesce a ritrarre intimamente i suoi personaggi nello spazio di un racconto…

Fine.
I miei preferiti sono gli ultimi due, editi Bompiani.
Attendo il vostro parere e a breve arriverà l’articolo sulle uscite indipendenti!

#InLibreria!

Si sa, le case editrici non dormono mai, proprio come i supereroi. Ecco dunque una carrellata di novità che vi aspettano in libreria, fresche fresche di stampa.


Newton Compton

undefinedWill Adams

LA FORMULA SEGRETA DI NEWTON

Prezzo: 9,90 euro

Pagine: 352

Link Amazon: http://amzn.to/2iZjini

Luke Hayward è uno studioso alla deriva. È finito nella lista nera del mondo accademico e si trova in un mare di guai. E quando un cliente lo contatta chiedendo il suo aiuto per recuperare alcuni documenti del celebre Isaac Newton andati perduti, Luke non è certo nella posizione di poter rifiutare. Proprio mentre sta setacciando una soffitta polverosa alla ricerca di indizi, scopre una serie di appunti apparentemente senza senso. A un esame più attento, però, quegli scarabocchi rivelano un messaggio in codice. Da un momento all’altro, Luke si ritrova invischiato in un gioco rischioso, nel mirino di un fanatico fondamentalista che da tempo tenta di sciogliere il mistero legato alle carte dello scienziato. Un mistero che si snoda tra Oxford, Londra e la città vecchia di Gerusalemme e che potrebbe scatenare la più micidiale tra tutte le guerre sante mai combattute.

undefined

Daniela Sacerdoti

AMORE, ZUCCHERO E CAFFÈ

Prezzo: 9,90 euro

Pagine: 288

Link Amazon: http://amzn.to/2jqbcqZ

Il matrimonio di Margherita sta andando a rotoli. Rimanere incinta dopo averci provato per tanto tempo è stata una sorpresa favolosa per lei, ma non per il marito. Quando ne ha più bisogno, si rende conto che lui non c’è. E allora Margherita decide di prendersi del tempo per se stessa, per capire dove stia andando il suo matrimonio. Lascia quindi Londra per trascorrere l’estate a Glen Avich, il posto in cui sua madre e il patrigno gestiscono un caffè. Ha bisogno di uno stacco per riallacciare il rapporto con la figlia Lara e dare una svolta alla propria vita. Ma Glen Avich può avere uno strano effetto sulle persone… Quando inizia a lavorare per Torcuil Ramsay, tutto comincia a cambiare. Margherita percepisce che il suo cuore si sta risvegliando, nonostante non lo credesse possibile. Quando finalmente sta cominciando a capire chi è davvero, si trova di fronte a una scelta che potrebbe mettere in discussione tutto. E per prendere la decisione giusta le servirà molto coraggio…

undefined

Emmy Laybourne

L’ESERCITO DEI 14 BAMBINI

Prezzo: 9,90 euro

Pagine: 320

Link Amazon: http://amzn.to/2jpSxeW

Quattordici studenti di diverse età sono rimasti intrappolati all’interno di un gigantesco supermercato a Monument, in Colorado. Lì dentro c’è tutto ciò di cui potrebbero aver bisogno: cibo di ogni genere, vestiti, videogiochi e libri, farmaci e ogni tipo di bevanda alcolica… e senza la supervisione di un adulto possono fare quello che vogliono. Potrebbe anche essere divertente. Purtroppo la verità è che fuori da lì il genere umano sta scomparendo a causa di catastrofi naturali e della dispersione di sostanze chimiche nell’atmosfera che, a seconda del gruppo sanguigno, possono provocare nelle persone disturbi paranoidi, accessi di violenza o addirittura la morte. I bambini devono rimanere all’interno, costretti ad attrezzarsi per la sopravvivenza, senza sapere se potranno mai uscire. Nonostante la giovane età, saranno in grado di cavarsela e guadagnarsi un futuro?

undefinedFlaminia P. Mancinelli

INQUIETANTE DELITTO IN VATICANO

Prezzo: 4,99 euro

Pagine: 416

Link Amazon: http://amzn.to/2jqgWB1

Roma, 2014. All’interno delle catacombe di Villa Ada viene ritrovato il corpo di una giovane donna straniera. A indagare sul caso è chiamato il tenente dei Carabinieri Nicola Serra, che ben presto si trova di fronte a un’inquietante scoperta: nonostante nessuno conoscesse l’esistenza di quelle catacombe, collegate ad altre tramite percorsi sotterranei, qualcuno entrava e usciva da lì. L’assassino è dunque in grado di muoversi in quei luoghi che un tempo furono rifugio per i cristiani? Le vie che Serra batte portano incredibilmente alle stanze vaticane… Mentre il tenente procede con l’inchiesta, Marion, la sua fidanzata francese, inizia un’indagine parallela. Ma l’assassino non si ferma a una sola vittima e nel suo delirio di onnipotenza pare seguire un macabro rituale di purificazione. Incastrarlo diviene ben presto una corsa contro il tempo…

undefinedMassimo Lugli-Antonio Del Greco

CITTÀ A MANO ARMATA

Prezzo: 9,90 euro

Pagine: 320

Link Amazon: http://amzn.to/2iZhM4L

Chi non ha provato, almeno una volta, il desiderio di conoscere come funziona un’indagine, di seguirne lo svolgimento, su strada e negli uffici dei commissariati di polizia o dei reparti speciali? Ebbene, questo libro, scritto a quattro mani da un noto scrittore e giornalista di “nera” e da un esponente di spicco della sezione Omicidi della squadra mobile di Roma, raggiunge proprio questo scopo: raccontare “dall’interno” inchieste più o meno note sui fenomeni criminali romani e non, dalle sanguinose scorribande di Giuseppe Mastini agli atroci delitti della Banda della Magliana, dalle tante truffe alle guerre tra gang per il controllo del territorio. E lo fa attraverso una narrazione in prima persona, proiettando il lettore nel backstage di un ufficio di polizia, facendogli vivere gli imprevisti, i colpi di fortuna, le situazioni paradossali che spesso si vengono a creare e rimettono in discussione tutto. La narrazione copre un arco temporale che va dai primi anni Ottanta fino ai giorni nostri e ricostruisce anche l’evolversi delle tecniche investigative. Con il tono del romanzo e la documentazione del saggio, Del Greco e Lugli rievocano fatti e fattacci di nera che hanno segnato e continuano a ferire Roma e l’Italia intera.


Fanucci

Charlie Fletcher

THE PARADOX, il mondo sospeso

Prezzo: 18 euro

Link Amazon: http://amzn.to/2jqf7UW

Coloro che appartengono alla società segreta Oversight conoscono molte cose. Sanno per esempio che il ferro freddo è in grado di ricacciare le bestie della notte nell’oscurità, o che ritrovarsi tra due specchi non sempre è una buona idea… E sanno anche che il loro compito è proteggere l’umanità dalle forze soprannaturali, nonostante il loro numero stia drasticamente diminuendo e i nemici siano ormai alle porte. Quando il signor Sharp e Sara Falk, due dei membri più importanti dell’Oversight, si ritrovano intrappolati nel mondo sospeso al di là degli Specchi Neri, l’uno alla ricerca dell’altra e di una via per tornare a casa, scoprono qualcosa che non avevano osato nemmeno immaginare: una minaccia che, se non scongiurata, potrebbe mettere in pericolo l’intera umanità. Perché di fronte a quella rivelazione, ciò che credevano di sapere sul soprannaturale è destinato a essere dimenticato per sempre.


DeA Pianeta Libri

Lili Anolik

LA RAGAZZA CON LA NOTTE DENTRO

Prezzo: 14,90 euro

Pagine: 256

Link Amazon: http://amzn.to/2jpVpsf

Nica Baker,  bella, misteriosa e spregiudicata, muore assassinata a soli 16 anni. La placida e ricca città del New England in cui vive con la famiglia precipita nell’angoscia. Quando la polizia trova un altro giovane corpo senza vita – quello di un compagno di classe di Nica che con ogni evidenza si è suicidato – il caso viene chiuso in fretta e furia: per le autorità non ci sono dubbi, è il giovane suicida, innamorato respinto, il responsabile dell’omicidio, e il biglietto trovato sul suo cadavere rappresenta una confessione in piena regola. Ma Grace, sorella minore di Nica, non sa darsi pace. Incalzata dai ricordi e dall’istinto, non crede alla versione ufficiale e, in preda a un’ossessione cieca e bruciante, scava nel passato della vittima per inchiodare il vero assassino. Mentre la lista dei possibili indiziati si assottiglia, vengono a galla insospettabili verità: su Nica, sulla madre, sull’intera famiglia Baker. Solo attraversando la notte che ha nel cuore Grace potrà ricostruire cosa è davvero accaduto alla sorella, liberarsi dei suoi fantasmi e diventare finalmente se stessa.

Laura M. Leoni

IL SOLO MODO PER COPRIRSI DI FOGLIE

Prezzo: 14,90 euro

Pagine: 416

Link Amazon: http://amzn.to/2iZvC79

Tra le pagine di questo libro incontrerete Daniel, un riservato ragazzo italo-inglese in Italia per l’Erasmus, che cerca l’occasione di camminare da solo e si ritrova travolto da una passione fortissima; Claudia, la sua insegnante d’arte, una donna insoddisfatta e succube di una certa idea di moglie e di madre; e Anita, studentessa con il talento della musica, una voce prodigiosa e un triste segreto celato dietro il sottile paravento di due labbra imbronciate. È il desiderio la forza che manda all’aria questi destini, costringendo i protagonisti a uscire allo scoperto una volta per tutte. Per capire che non esiste difesa dal mondo, dalla luce e dal dolore che a ogni respiro ci trafiggono con la stessa vertiginosa ferocia. Con uno stile semplice e profondo, l’autrice scava nei pensieri, nelle azioni, negli umori e nei traumi nascosti dei suoi piccoli eroi quotidiani, dando voce alla loro voglia di combattere, di non arrendersi, di essere semplicemente se stessi. Perché, parafrasando la magnifica poesia che dà il titolo a questa storia, vivere è il solo modo per coprirsi di foglie.


Marsilio

L'angelo di neve Ragnar Jónasson

L’ANGELO DI NEVE

Prezzo: 18 euro

Pagine: 286

Link Amazon: http://amzn.to/2jq5qpc

Siglufjörður, cittadina di pescatori nel punto più a nord dell’Islanda, accessibile dal resto del paese solo attraverso un vecchio tunnel, è soffocata dalla morsa dell’inverno.
La temperatura è ben al di sotto dello zero, il vento scuote le tegole, e la neve che cade incessante da giorni la fa sembrare un luogo incantato dove tutto può succedere. Finché qualcosa di inaspettato succede davvero. Una giovane donna viene ritrovata in un giardino priva di sensi, in una pozza di sangue. Un vecchio scrittore muore nel teatro locale in seguito a una caduta. Ari Þór, ex studente di teologia diventato poliziotto quasi per caso, si immerge nell’indagine malvolentieri, stretto tra la nostalgia della fidanzata rimasta a Reykjavík e la diffidenza di una comunità che fa fatica ad accoglierlo. In un clima di tensione claustrofobico, dovrà imparare a farsi largo tra l’attenzione morbosa della stampa e i segreti dei residenti, a convivere con le bufere sferzanti e a trovare la strada della verità in un buio senza fine.


Ecco qua, miei lettori occasionali. C’è qualcosa che vi incuriosisce? A me il giallo della Marsilio, ma si sa che io sono di parte e che i gialli sono quasi il mio genere letterario preferito.

Alla prossima e copritevi bene, che fa freddo.

G.


#InLibreria!

quando_cala_la_nebbia_rossa

Quando cala la nebbia rossa di Derek Raymond (TimeCrime Fanucci)

Link Amazon

L’esistenza che Gust ha scelto per sé è quella del criminali solitario, indurito dalla strada ma non estraneo a una propria regola morale, che gli impone di cercare la linea sottile che separa il bene dal male. Proprio come il sergente della sezione Delitti irrisolti, ma dall’altra parte della barricata. Ora è in libertà vigilata, ma il richiamo di un lavoro all’apparenza semplice e con parecchi soldi in ballo è troppo forte: quella è la sua vita e quello il suo destino. Stavolta, però, dietro a quello che sembrava un semplice furto di passaporti si nascondono affari con cui è molto più facile scottarsi. Alcuni missili a testata nucleare sono scomparsi dai depositi dell’esercito sovietico, mettendo in allarme i servizi segreti di mezzo mondo, la criminalità organizzata e gli ambienti deviati all’interno delle forze dell’ordine di Sua Maestà. In questo azzardo pericoloso, da cui non si esce se non dopo aver fatto saltare il banco, Gus dovrà imparare in fretta a calibrare le proprie mosse e a capire chi bluffa, perché la posta in palio è più ben alta di quella che è abituato a scommettere.

il_museo_dell_inferno

Il museo dell’inferno di Derek Raymond (TimeCrime Fanucci)

Link Amazon

Quali abissi deve aver attraversato l’anima di un uomo capace di fare a pezzi i corpi delle proprie vittime per ricomporli poi con dedizione maniacale, estatica, come un artista che plasmi la sua materia per l’allestimento di una galleria degli orrori? È la domanda che il sergente della sezione Delitti irrisolti dovrà porsi se vorrà venire a capo di un’indagine in cui si ritrova quasi per caso ma che con i sui lacci logori rischia di intrappolarlo. Donne che scompaiono, sospetti che il più delle volte sembrano infondati, strani e indecifrabili comportamenti, identità improbabili, destinate a rivelarsi false: sono questi gli elementi in mano al sergente. A lui e ai suoi uomini spetta addentrarsi nel mondo che ha nutrito il serial killer, tra le nebbie di un’apparente normalità che invece cela tra le sue pieghe l’orrore, e dove la violenza trova il suo compimento più aberrante. Un viaggio angosciante e pericoloso, percorso tra i corridoi bui di un museo labirintico in cui mai saremmo voluti entrare, e dove le uniche luci sono quelle che illuminano la violenza più cieca.


unnamed

La corsa di Billy di Patricia Nell Warren (Fazi Editore)
A metà degli anni Settanta, l’allenatore Harlan Brown trova rifugio dal suo passato e da se stesso in un piccolo college di New York, dopo essere stato cacciato dalla prestigiosa Penn State University per sospetta omosessu alità. Harlan, ex marine di trentanove anni, ha perso tutto – famiglia, lavoro, amici – e ora cerca di mascherare il proprio conflitto sessuale con un’esistenza più spartana e conformista possibile. Si è fatto una promessa e ha intenzione di mantenerla: non innamorarsi mai più di un uomo. La sua vita, però, è sconvolta quando tre giovani atleti si presentano nel suo ufficio: l’esuberante Vince Matti, il timido Jacques LaFont e il ventiduenne Billy Sive, un potenziale grande talento per i diecimila metri. Sono appena stati scaricati da un’importante squadra a livello nazionale per aver ammesso la propria omosessualità. L’uomo è profondamente diviso: se accetterà di allenarli, questo alimenterà le voci sul suo essere gay, ma i tre hanno stoffa e questa potrebbe essere la sua ultima occasione di puntare in alto. Alla fine, poste condizioni ferree, accetta di prenderli sotto la sua ala. Harlan è subito affascinato dal talento di Billy e capisce che il ragazzo ha le qualità per partecipare alle Olimpiadi di Montre al del ’76. Ma la sua ammirazione si trasforma presto in un sentimento che non provava da anni e, scoprendo che il suo amore per il ragazzo è ricambiato, deve fare la scelta più difficile della sua vita: combattere i propri sentimenti o uscire allo scoperto e sfidare l’ultraconservatore establishment sportivo. Rischiando di far sfumare per sempre il sogno olimpico dei tre.
ssdg
Il Nido di Tim Winton (Fazi Editore)

Il libro Tom Keely ha perso la bussola. Divorziato, disoccupato,

la sua reputazione come attivista ambientale è distrutta, e lui si
trova rintanato in un appartamento in cima a un cupo grattacielo di Fremantle, Australia occidentale, da dove vede il
mondo di cui si è disamorato. Si è tagliato fuori, e fuori ha
intenzione di restare, immune ai sentimenti, carico di alcol,
antidolorifici, antidepressivi, psicofarmaci e sonniferi, finché un giorno incontra i vicini: una donna del passato e il suo
nipote introverso. Un incontro che lo sconvolge ma che, quasi controvoglia, lo spinge a farli entrare nella sua vita. Ma i due nascondono a loro volta una storia difficile, e Keely presto si trova immerso in un mondo che minaccia di distruggere tutto ciò che ha imparato ad
amare, in cui il senso di fallimento è accentuato dal confronto continuo con la figura del padre, Nev, un gigante buono impossibile da eguagliare. Un romanzo commovente, coraggioso e inquietante, che rivela punte di umorismo nero e spietato.
unnamed2
La figlia femmina di Anna Giurickovic Dato (Fazi Editore)
Silvia ha conosciuto Giorgio quando aveva solo 16 anni. Lei un’
adolescente insicura, lui già adulto, con una carriera diplomatica avviata, qualcuno a cui affidarsie di cui fidarsi. Venti anni dopo, dalla sua casa romana Silvia assiste
inerme al tentativo scioccante da parte di Maria, sua figlia quasi adolescente, di sedurre il suo nuovo compagno, invitato a pranzo perché finalmente conosca la bambina. Un gioco al massacro, una sfida e una richiesta di aiuto, che Silvia osserva, immobile, incapace di reagire, mentre ripercorre la sua storia e quella di una famiglia che non c’è più, muovendosi tra Roma e Rabat, avanti e indietro nel tempo, dalla sala di un appartamento romano al Marocco, quando Silvia era una donna acerba, incapace di proteggere sua figlia,
impermeabile ai terribili, concreti segnali di un pericolo. Attraverso il racconto di un dormiveglia, due contrappunti e una scena di seduzione che colpisce come un pugno ben assestato, Anna Giurickovic Dato esplora con grande maturità i ruoli di vittima e carnefice, i loro chiaroscuri e le loro ambiguità.

nidook_300x__exact
Il nido di Cynthia D’Aprix Sweeney (Frassinelli)
Ex genio messo in ginocchio dalla crisi del 2008, Leo è il maggiore dei quattro fratelli Plumb, babyboomers abbondantemente adulti secondo l’anagrafe e altrettanto sprovveduti nella realtà di ogni giorno, con le loro vite irrisolte e sempre in attesa del «Nido», l’eredità che il padre ha accantonato per loro, e che i fratelli hanno in buona parte già dilapidato prima di entrarne in possesso. Ed è proprio quando i soldi sembrano finalmente a portata di mano che tutto precipita: al matrimonio del cugino, nel tentativo di sedurre una cameriera diciannovenne, Leo carica la ragazza in macchina e finisce per provocare un disastroso incidente. Qualche tempo dopo, in uno di quei mesi di ottobre che a New York sembrano già inverno, Melody, Beatrice e Jack sono pronti ad accogliere il fratello appena uscito dal centro di riabilitazione, sapendo che – per riparare i danni dell’incidente – si è giocato anche la loro parte di eredità. E così intorno al «Nido», e a causa sua, i fratelli Plumb intesseranno una ragnatela di equivoci e inganni, segreti e bugie e tradimenti.
cracovia_300x__exact
La ragazza di Cracovia di Alex Rosenberg (Sperling&Kupfer)
Rita Feuerstahl ha solo vent’anni quando, nel 1935, si iscrive alla Facoltà di Legge di Cracovia, vuole la libertà, vuole l’amore, non presta attenzione ai venti di guerra che soffiano in tutta Europa. Sarà la Storia a trascinarla nel suo turbine. Rita dovrà adattarsi in fretta: fugge da una fabbrica dove gli ebrei sono costretti ai lavori forzati, adotta una falsa identità, entra sotto copertura nel cuore della Germania nazista, in possesso di un segreto che potrebbe mettere a repentaglio molte vite oltre la sua, oppure cambiare le sorti del conflitto. Nella storia di Rita, una donna coraggiosa mossa dall’istinto di sopravvivenza e dalla ricerca di un figlio che teme di aver perduto per sempre, rivivono le sorti di tante persone comuni, eroi per caso che la Storia non ricorda ma che nell’anonimato e nel dolore hanno fatto la Storia.

51d0qyyknalEra una famiglia tranquilla di Jenny Blackhurst (Newton Compton)

Emma Cartwright ha una vita all’apparenza normale: una bella casa, un gatto, il volontariato la domenica. Nessuno però sa che, tre anni prima, si chiamava Susan Webster e aveva ucciso Dylan, suo figlio di appena dodici settimane. Susan non ricorda nulla dell’accaduto, ma come può non credere a medici, poliziotti e avvocati che hanno raccolto prove quasi schiaccianti della sua colpevolezza? Eppure, nonostante tutti gli indizi siano contro di lei, c’è una piccola parte del suo cervello che non è convinta della versione che le hanno raccontato, che non pensa sia possibile rimuovere un gesto…
i-medici-una-regina-al-potere_8601_I Medici di Matteo Strukul (Newton Compton)
Francia, 1536. Quando il delfino, Francesco di Valois, viene ucciso, la posizione di Caterina de’ Medici a corte si complica. È la prima a essere sospettata dell’assassinio. Ma Francesco I, sovrano di Francia, crede alla sua innocenza e anzi, la spinge a rafforzare la sua posizione in vista del momento in cui, al fianco di Enrico II, dovrà regnare. Caterina si sente però debole, e non solo perché il marito le preferisce l’amante, la bellissima e temibile Diana di Poitiers, ma anche perché non riesce ad avere figli. Convinta di essere vittima di una maledizione, incarica Raymond de Polignac, valoroso comandante dei picchieri del re, di trovare Nostradamus, personaggio oscuro e inviso a molti, ma noto per le sue abilità di astrologo e preveggente. Lui è l’unico che potrà aiutarla a diventare madre. Fra intrighi di corte, tradimenti, umiliazioni e soprusi, Caterina attende con tenacia, finché non darà alla luce il primo dei suoi figli. Alla morte di Francesco I, quando la guerra di religione incombe, Caterina, ormai regina, non esita a stringere alleanze pericolose, complici le profezie di Nostradamus. La violenza scatenata dai cattolici contro i riformati in seguito alla congiura di Amboise è solo l’inizio di un conflitto destinato a culminare nella tragica notte di San Bartolomeo, quando le strade della capitale s’imporporeranno del sangue degli infedeli e Caterina, reggente di Francia dopo la morte di Enrico II, perderà tutto ciò che ha amato…

Lettori occasionali! C’è qualcuno di questi libri che vi incuriosisce? Fatemi sapere quale.
Alla prossima,
G.

#InLibreria!

Anche se sono in Giappone, sono sempre informata su cosa accade dalle vostre parti. Ecco a voi le novità di novembre/dicembre divise per casa editrice:


DeAgostini

unnamedLa profezia di mezzanotte

Irena Brignull 

Un fantasy incantevole. L’indimenticabile storia di due ragazze legate da una profezia antica.

Per quattordici, lunghi anni Poppy Hopper ha cercato di ingannare tutti, persino se stessa. Ha finto di essere una ragazza come tante, mentre i gatti la seguivano ovunque, i ragni tessevano tele complicate intorno a lei e gli elementi della natura sembravano rispondere al suo volere. Anche Ember Hawkweed ha sempre fatto di tutto pur di sentirsi normale: una normalissima strega come le altre. Ma se le sue amiche eccellevano nelle arti magiche, creando pozioni e incantesimi, lei riusciva solo a preparare unguenti e bolle di sapone. Quando Poppy ed Ember si incontrano, però, le cose cambiano. Le due ragazze capiscono subito di essere più simili di quanto avrebbero mai potuto immaginare. Entrambe sanno di non appartenere al mondo in cui vivono, ed entrambe vogliono scoprire la verità. Chi sono realmente? Quale legame misterioso le unisce? Insieme, Poppy ed Ember sono pronte a qualsiasi cosa pur di trovare le risposte che cercano. Anche ad affrontare una pericolosa profezia che affonda le radici nella notte dei tempi.

Link per comprare il libro in Amazon –> La profezia di mezzanotte

unnamed1Animali fantastici – colouring book

Una galleria di creature fantastiche, mostri mitologie e bestie imponenti da scoprire e colorare.

Salpa per un viaggio in mondi remoti e antiche civiltà, attraverso i quattro elementi di Terra, Aria, Acqua, Fuoco: troverai gli incredibili animali del mito e del folklore. Dai draghi alle arpie, dagli orchi alla fenice, più di 90 magnifiche creature da scoprire.

 

9788851142353_ead6805155b89dab602914a3ac4e54bfIf I should die

Amy Plum
Serie Die for me

Com’era la vita di Vincent prima di incontrarmi, prima di scoprire l’amore? Decenni di dolore e sacrificio, passati ad appagare la sua natura di revenant, a morire e a risorgere per salvare migliaia di innocenti. E proprio ora che credevamo di avere il futuro nelle nostre mani, siamo stati traditi nel peggiore dei modi da chi consideravamo un’alleata e un’amica. Mi fidavo di Violette, e lei ha portato via il mio amore per annientarlo e assorbire così i suoi poteri. Ora, senza più un corpo in cui tornare, Vincent vaga in forma di spirito sulla Terra. Non potrò più vederlo, toccarlo, sentire le sue dita che mi sfiorano i capelli… non potrò più rifugiarmi tra le sue braccia e annegare nei suoi baci. Eppure sento che non tutto è ancora perduto. Per salvarlo sono disposta a pagare qualunque prezzo, anche a immolare la mia anima. Perché non posso immaginare di trascorrere un solo giorno senza di lui. Non dopo tutto quello che abbiamo condiviso e sofferto. E adesso che i nostri nemici hanno compiuto la loro mossa, non mi resta che una cosa da fare: combattere.

Link per comprare il libro in Amazon –> If I should die



Fazi

dgCharles Shields
L’UOMO CHE SCRISSE
IL ROMANZO PERFETTO
Quale storia si nasconde dietro Stoner? Chi era lo scrittore schivo e riservato che, come il suo alter ego letterario, ha vissuto una vita apparentemente insignificante eppure eccezionale?
In anteprima mondiale esce la prima biografia di John Williams, che ricostruisce l’intera esistenza dello scrittore e il caso internazionale del successo delle sue opere, che dopo cinquant’anni incantano ancora milioni di persone in tutto il mondo. Charles Shields, apprezzatissimo autore di importanti biografie come quelle Kurt Vonnegut e Harper Lee, racconta per la prima volta le luci e le ombre di un autore ormai considerato di culto.
L’autore sarà in Italia per presentare il suo libro: a Torino, il 15 al Circolo dei Lettori e il 16 alla Scuola Holden; a Milano, il 17 alla libreria Gogol & Company e il 18 alla Triennale di Milano, in occasione di BookCity; a Roma, il 19 alla libreria Feltrinelli di Largo Argentina.

Link per comprare il libro in Amazon –> L’uomo che scrisse il romanzo perfetto

gdbLA SAGGEZZA DI STONER
a cura di Barbara Carnevali
«Ma se Stoner ci piace perché è un uomo come tutti noi, resta aperta la questione di perché questa affinità si sia imposta all’attenzione del pubblico solo negli ultimi dieci anni, mentre per la prima generazione di lettori non era così evidente, o non sembrava così importante. Cosa hanno visto i lettori degli anni Duemila che i lettori degli anni Sessanta non potevano o non volevano vedere? Perché la vita privata dell’uomo medio ci interessa particolarmente oggi? Cosa ci dice il successo recente di Stoner sullo stato della nostra società?».
È per rispondere a domande come queste che la Scuola di Francoforte ha concepito questo ‘dossier’ speciale all’interno della rivista “WestEnd”, dedicando appunto a Stoner una serie di brevi saggi filosofici, che offrono nuovi e illuminanti spunti di riflessione.

Link per comprare il libro in Amazon –> La saggezza di Stoner

vgJohn Williams
STONER – nuova edizione
In un insolito caso di giustizia artistica, John Williams è diventato un autore bestseller internazionale a oltre vent’anni dalla morte.
Questa nuova edizione in brossura, semitascabile al prezzo di 15 euro, vuole essere un ulteriore omaggio al suo genio e alla sua opera, definita dalla critica “il romanzo perfetto, un capolavoro alla pari del Grande Gatsby di Fitzgerald”.

Link per comprare il libro in Amazon –>  Stoner



Newton Compton

la-lettrice_8079_x1000La lettrice

Traci Chee

In un mondo parallelo dove leggere sarà illegale l’unica arma è un libro n un mondo parallelo dove leggere sarà illegale l’unica arma è un libro
Una terra dove i libri sono banditi na terra dove i libri sono banditi UUna ragazza che non smette di lottare na ragazza che non smette di lottare
Sefia sa cosa significa dover sopravvivere. Dopo che il padre è stato brutalmente ucciso, è fuggita con la misteriosa zia Nin, che le ha insegnato a cacciare, seguire le impronte e rubare. Ma quando Nin viene rapita, Sefia rimane completamente sola. L’unico indizio che può aiutarla a ritrovare Nin è uno strano oggetto rettangolare che il padre ha gelosamente custodito fino al giorno della sua morte. Un manufatto mai visto prima, di cui nessuno le aveva mai parlato, perché nel mondo in cui è nata e cresciuta la lettura è un’attività proibita. Con l’aiuto di questo libro e di un ragazzo che nasconde oscuri segreti, Sefia cercherà di salvare la zia Nin e scoprire che cosa sia realmente accaduto il giorno in cui suo padre è stato ucciso. Con un meraviglioso alternarsi di storie di pirati, duelli di cappa e spada e assassini spietati, L a le t t ric e è un’avventura raccontata in modo magistrale da uno straordinario nuovo talento.

Link per comprare il libro in Amazon –> La lettrice



Marsilio

hgffNero Dickens
Racconti del mistero di Charles Dickens
a cura di Marisa Sestito

Seppur non manchino spettri e stregate visioni, non è il soprannaturale di per sé il segno forte di questi racconti di Dickens, ma piuttosto il mistero: storie tanto più inquietanti quanto più calate in quel contesto, e linguaggio, “realistico”, di cui Dickens è maestro insuperabile, che puntualmente viene smantellato nelle sue labili, illusorie certezze. Alla forza immaginativa di questo contrasto contribuisce il particolare genere di molti dei testi qui presentati, che sono brevi narrazioni in sé compiute inserite nei romanzi, con la funzione di spezzare il flusso del reale e, quasi inavvertitamente, passare il testimone da personaggi realistici, comici o convenzionali, a cupe, spettrali figure della trasgressione.

Link per comprare il libro in Amazon –> Nero Dickens



Sperling&Kupfer + Frassinelli

king_1_300x__exactDanse Macabre

Stephen King

Un’opera che è diventata un piccolo classico, un cult, nella quale un autore a sua volta di culto celebra l’horror definendone gli archetipi in una ridda in cui danzano, tenendosi per mano, letteratura e z-movies, leggende metropolitane e cinema d’autore, serie Tv, fumetti e perfino figurine. L’approccio apparentemente acritico, dichiaratamente soggettivo, sbarazza il “professor” King da ogni accademismo, lasciandolo libero di esprimere il suo punto di vista con la consueta scrittura affascinante. Un testo profondo e lieve allo stesso tempo, un saggio che, ben lungi dall’aderire al genere, è piuttosto un possente, intrigante amarcord. E, per gli appassionati, un’irresistibile occasione per sbirciare sotto il mantello del Re. Del brivido.

Link per comprare il libro su Amazon –> Danse Macabre

todd_300x__exactNothing more. Cuori confusi
Anna Todd

Tra Dakota e Nora, Landon è più confuso che mai. Tra l’amore e la passione, il suo cuore non sa scegliere. Dakota è la sua fidanzata di sempre ( o almeno lo è stata). Guardarla gli ricorda i tanti bei momenti trascorsi insieme ma, allo stesso tempo, Landon non riesce a dimenticare come lei, senza tanti convenevoli, lo abbia scaricato appena arrivato a New York. Eppure non appena prova a lasciarsi alle spalle la loro storia, lei riappare. Dall’altra parte c’è Nora: sfuggente, enigmatica e sexy, è nientemeno che la coinquilina di Dakota, e Landon ne è attratto come un frutto sconosciuto e proibito. Entrambe le ragazze hanno un passato difficile che potrebbe riaffiorare da un momento all’altro sconvolgendo il loro rapporto con Landon. Ma Landon è pronto a superare tutti gli ostacoli per trovare la propria strada e il vero amore? Chi conquisterà il suo cuore?

Link per compare il libro su Amazon –> Nothing More 2


Colgo l’occasione per ricordarvi che a Milano, dal 17 al 20 novembre, si terrà l’evento Bookcity. Credetemi, vorrei tanto poterci andare.

Colgo anche l’occasione per ricordarvi che ho scritto un libro e che lo potete trovare in ogni store online possibile et immaginabile 🙂

piatto_Il-blocco-dello-scrittore

 

 


Ecco, questo è il mio bambino. Se qualcuno di voi vuol farci un pensierino, io non mi offendo. La trama, in ogni caso, è questa:

Miranda è una giovane studentessa, frequenta l’università ed è da sempre appassionata di scrittura. Le sue ambizioni sono grandi: diventare una stella della letteratura e lasciare ai posteri il suo capolavoro immortale. Convinta di serbare dentro di sé la sacra fiamma dell’arte, nel quotidiano si trova invece a fare i conti con una realtà a dir poco frustrante: il blocco dello scrittore. Un portatile aperto, una pagina bianca, un cursore lampeggiante e nulla più. Un giorno improvvisamente, dopo aver incontrato dei misteriosi venditori di libri e aver ricevuto in regalo un inquietante segnalibro, nella vita di Miranda ricompaiono i personaggi da lei inventati anni prima, creature che popolavano i suoi racconti mai finiti e abbandonati nelle pagine ingiallite di vecchi quaderni. Saranno loro, il Principe Lucertola, la Banshee, i Mastini, i Kappa e tanti altri, ad accompagnare la ragazza in un viaggio avventuroso, magico e liberatorio, nelle ombre del proprio cuore.

Vi lascio un po’ di link!

Pagina Goodreads del libro

Recensione di Sara Cantoni, blog

Recensione di Sara Cantoni, youtube (Canale Non solo shopping)

Amazon!

Recensione da blog Un viaggio un libro

Recensione da blog The imbranation girl

Recensione da blog Sospiri condivisi


Gli occhi neri di Susan, di Julia Heaberlin

pjl2cqiTessa Cartwright, sedici anni, viene ritrovata in un campo del Texas, sepolta da un mucchio di ossa, priva di memoria. La ragazza è sopravvissuta per miracolo a uno spietato serial killer che ha ucciso tutte le altre sue giovani vittime per poi lasciarle in una fossa comune su cui crescono delle margherite gialle. Grazie alla testimonianza di Tessa, però, il presunto colpevole finisce nel braccio della morte. A quasi vent’anni di distanza da quella terrificante esperienza, Tessa è diventata un’artista e una mamma single. Una fredda mattina di febbraio nota nel suo giardino, proprio davanti alla finestra della camera da letto, una margherita gialla, che sembra piantata di recente. Sconvolta da ciò che evoca quel fiore, Tessa si chiede come sia possibile che il suo torturatore, ancora in carcere in attesa di essere giustiziato, possa averle lasciato un indizio così esplicito. E se avesse fatto condannare un innocente? L’unico modo per scoprirlo è scavare nei suoi dolorosi ricordi e arrivare finalmente a mettere a fuoco le uniche immagini, nascoste per tanti anni nelle pieghe della memoria, che potranno riportare a galla la verità…

Tessa è una protagonista di rara sopportabilità e pragmatismo in un panorama dominato da personaggi femminili sentimentalmente confusi, incapaci e petulanti. Una giovane madre che è riuscita in qualche modo a superare il traumatico evento che ha segnato il suo passato, si è rifatta una vita e se la cava piuttosto bene. Ha una figlia, Charlie, un’adolescente perfettamente normale, senza problemi di alcun tipo e piacevolmente sveglia.

Già questo basterebbe.

Aggiungiamo poi un impianto narrativo piuttosto solido, costruito senza fretta, scoprendo gli indizi un po’ alla volta mentre si dipanano due piani narrativi paralleli: il presente, dove Tessa decide di riaprire finalmente il caso che la riguarda per cercare di dare giustizia sia alle ragazze che uccise dallo stesso uomo che aveva tentato di fare fuori anche lei sia a colui che da diciassette anni si trova dietro le sbarre per un crimine che (forse) non ha commesso sia a sé stessa; e il passato, in cui Tessie cerca di rimettere insieme la propria vita che sembra essere rimasta sul fondo della fossa in cui è stata gettata e in cui è quasi morta. Lo fa grazie ai numerosi incontri con lo psicologo, ai suoi disegni e alla cara amica Lydia, sempre pronta ad aiutarla, sempre presente per lei.

La vicenda scorre prendendosi il tempo di indagare i pensieri di Tessa, si domanda il perché delle cose e rimane coerente con l’indole della protagonista da inizio a fine. Ma non solo. I dettagli tecnici sono trattati con intelligenza e inseriti in modo adeguato, così che il lettore percepisce una forte sensazione di realismo ed è spronato a concedere fiducia all’autore e a lasciarsi guidare fino alla fine.

Gli occhi neri di Susan è infatti un romanzo che tiene i piedi per terra. I personaggi sono reali e “per lo più buoni”, esattamente come nella vita reale. Le loro reazioni, i loro pensieri, le loro sensazioni non hanno nulla di folle o tremendamente oscuro. La polizia scientifica non produce miracolosamente il responso per qualsiasi cosa, tutt’altro. I giudici e gli avvocati non sono infallibili e a volte sono mossi dalla curiosità e dal pregiudizio esattamente come le persone qualunque.

In sostanza, questo thriller mi ha piacevolmente stupita. L’ho trovato qualitativamete superiore a molti altri suoi colleghi, thriller moderni spesso incentrati su particolari “gore” e su segreti oscuri e torbidi, esattamente quegli elementi che attirano maggiormente l’attenzione del pubblico durante le inchieste sui vari delitti di cui sentiamo tanto parlare in televisione. Su cosa si concentrano? Sulla triste fine della vittima e la giusta punizione che spetta al colpevole o su tutto quello che ci gira intorno, sui segreti, le zone d’ombra, le abitudini discutibili, gli inciampi, le contaddizioni? Diciamolo, siamo affetti da curiosità morbosa per tutto ciò che è brutto. Forse perché ci fa sentire insieme meno soli nella bruttura e allo stesso tempo superiori, perché non ci consideriamo altrettanto sordidi.

Ma sto divagando, torniamo al romanzo.

Nonostante i grossi punti a favore di cui sopra, la narazione presenta comunque dei difetti, anche se decisamente minori e dovuti, a mio parere, alla scelta di narrare la vicenda in prima persona. E’ un espediente interessante per poter affondare nella mente del protagonista ma esclude inevitabilmente tutti gli altri (con alcune doverose eccezioni) da un’analisi più approfondita, con il risultato che personaggi potenzialmente interessanti o addirittura fondamentali rimangono figure galleggianti sullo sfondo. In sostanza, sappiamo di loro solo quanto ci racconta Tessa. Il finale, in particolar modo, mi ha lasciata perplessa. Non per quello che ci svela ma per il fatto che scorre molto in fretta, troppo rispetto a tutto ciò che l’ha preceduto. Dopo trecento pagine interessanti e ben costruite, impostate come un conto alla rovescia, ad un certo punto sembra che il tempo inizi  correre più velocemente e gli eventi si trasformino di conseguenza divenendo più superficiali.

Tuttavia, Gli occhi neri di Susan riesce a sopravvivere alle proprie debolezze e rimane una lettura davvero buona, un thriller che mi ha piacevolmente intrattenuta e che ho divorato velocemente perché desideravo davvero scoprire come andasse a finire (e scoprire se la mia idea su chi fosse il colpevole fosse esatta. Spoiler: lo era).

Voglio aggiungere un altro piccolo dettaglio, per me molto importante. Il racconto è costellato di citazioni letterarie e artistiche. Dalle favole alla poesia a Edgar Allan Poe a una lunga serie di altri romanzi, classi della letteratura inglese o americana, ma mai scontati né inflazionati. Chi legge Jane Austen è la figlia adolescente della protagonista, in perfetto accordo coi programmi scolastici di tutto l’occidente; un fatto che io vedo come la conferma che le scrittrici di YA nella loro vita hanno letto solamente i romanzi “obbligatori”, quelli imposti dai professori di liceo. Sia chiaro, in Orgoglio e pregiudizio non c’è nulla di male, ma andiamo, esiste anche altro.

In conclusione, consiglio questa romanzo a tutti coloro che siano alla ricerca di un thriller dai toni più riflessivi, che gioca sulle emozioni e debolezze umane piuttosto che sull’ansia, sul torbido e su una trama al cardiopalma. Quello che ho provato io, a lettura terminata, è la sensazione che le brutture della vita, i fatti terribili che possono accadere, siano una spiacevole e sfortunata eccezione alla regola generale che le persone sono tutte più o meno buone. E che la persecuzione, i presagi, i demoni e i mostri, molte volte vivono soltanto nella nostra testa, dove attecchiscono come erbacce infestanti o come le tenaci margherite gialle chiamate “Susan dagli occhi neri”.

Il mio voto  è:

Star-empty-iconStar-empty-iconStar-empty-iconStar-empty-icon

 


#Inlibreria!

DAL 31 MARZO

INDAGINE SU UN MAGO SENZA TESTA

ED.FANUCCI

cover_IndagineSuUnMagoSenzatesta_Caria_jpg.png

Ci sono giorni in cui all’odore del mare di Napoli si mischia l’afrore del sangue. Lo sa bene Willy Calone, l’ingestibile detectiveassunto dal ricco ingegner Capuana perché lo scagioni da un’accusa di omicidio più pretestuosa che altro. Il ritrovamento del Magnificus mago Leonardus decollato, infatti, rischia solo di comprometterne la corsa a governatore della regione. Un complotto ordito ai danni di un candidato troppo ingombrante? Eppure una lunga storia extraconiugale legava la seducente moglie dell’ingegnere all’illusionista ritrovato senza testa. Come a dire, il cuore ha le sue ragioni… che le corna conoscono perfettamente. A confondere le già torbide acque delle indagini ci penseranno poi il boss della zona appena scarcerato, Carmeniello, un oscuro colosso dagli occhi di brace con un’insana passione per gli ex voto, e la Stella dei cantanti neomelodici, sfuggente fiamma di Calone… Napoli come Ciudad Juárez e happy end solo per narcos, politici e sbirri sul loro libro paga.

CONNESSIONI DI SANGUE

ED.FANUCCI

Le acover_Connessioni_di_sague_McDermiddolescenti di una piccola cittadina stanno scomparendo una dopo l’altra, senza lasciare tracce. Le autorità sono convinte che siano fuggite, forse attratte dalla città, ma chi ha indagato i meccanismi del crimine sa che si tratta di una spiegazione troppo debole. Tocca allo psicologo Tony Hill trovare il filo rosso che lega le sparizioni. Hill conosce alla perfezione la psiche dei killer più efferati, sa che l’assassino più lucido può nascondersi negli insospettabili con cui abbiamo a che fare tutti i giorni, ma nemmeno lui può immaginare che volto abbia, quanto sia seduttivo per le vittime il suo sinistro richiamo, quanto forte la sua sete di sangue. Quando uno dei suoi studenti viene ucciso, dando inizio a un conto alla rovescia inesorabile verso il crimine successivo, Hill comprende che tra tutti i criminali a cui aveva dato la caccia, nessuno aveva mai agito in maniera così lucida, terrificante, elusiva. Si ritroverà coinvolto in un gioco spietato, nel quale sarà sempre più difficile fare la mossa giusta, e distinguere tra chi è il cacciatore e chi la preda.

EMBASSYTOWN

ED.FANUCCI

cover_Embassytown_China_Miéville

In un futuro remoto, gli esseri umani si sono spinti ai confini dell’universo colonizzando il pianeta Arieka. Qui i rapporti tra gli uomini e il popolo degli Ariekei, custode di una lingua misteriosa e inaccessibile, sono possibili solo grazie ai pochi ambasciatori in grado di comprenderne il linguaggio. Avice Benner Cho, una colona umana, ha fatto ritorno sul pianeta, nella città di Embassytown, dopo anni di viaggio nello spazio più profondo. Non è in grado di parlare la lingua degli Ariekei, eppure in qualche modo ne rappresenta una parte: lei, come altri esseri umani, è utilizzata dagli indigeni come una “similitudine vivente”, necessaria alla formulazione di concetti altrimenti inesprimibili. A causa di oscuri intrighi politici, sul pianeta è stato inviato un nuovo ambasciatore e il fragile equilibrio tra umani e alieni subisce una violenta scossa. Una catastrofe è all’orizzonte, mentre Avice si trova divisa tra un marito che non ama più, un sistema nel quale non ha più fiducia e una lingua che non può parlare ma che comunica attraverso di lei, al di fuori della sua volontà.

PROMETTO DI SPOSARTI OGNI GIORNO

ED.GARZANTI

5

Il treno sfreccia silenzioso in una mattinata grigia. Pedro sta guardando le nuvole che lentamente si aprono, quando all’improvviso un raggio di sole entra dal finestrino e illumina la ragazza seduta di fronte a lui. Barbara ha gli occhi grandi, un viso da bambina e un sorriso puro. I due si innamorano a prima vista. E decidono che ogni giorno insieme deve essere come la prima volta. Sono separati da centinaia di chilometri e centinaia di impossibilità, ma non rinunciano.

Per questo faranno in modo di incontrarsi sempre in un posto e in un luogo diverso. Per riscoprire tutte le volte la meraviglia e dimenticare la distanza. Per toccare insieme per la prima volta la sabbia rovente di una spiaggia affollata e l’erba fresca bagnata di rugiada di una collina in primavera. Per stupirsi di fronte alla gioia della normalità nel primo caffè del mattino, dell’ennesimo bacio reclamato da una briciola di biscotto. Finché un giorno fanno una scelta. Quella di scegliersi ogni giorno, ogni minuto, ogni secondo. Come un lunghissimo sorriso che si rinnova ad ogni risveglio. Perché l’amore è fatto di attese e di lunghi abbracci, di scherzi e lacrime, di fragilità e protezione. È il migliore dei viaggi, e la destinazione è la vita.

GLI OCCHI NERI DI SUSAN

ED.NEWTON COMPTON

pjl2cqi

 

Tessa Cartwright, sedici anni, viene ritrovata in un campo del Texas, sepolta da un mucchio di ossa, priva di memoria. La ragazza è sopravvissuta per miracolo a uno spietato serial killer che ha ucciso tutte le altre sue giovani vittime per poi lasciarle in una fossa comune su cui crescono delle margherite gialle. Grazie alla testimonianza di Tessa, però, il presunto colpevole finisce nel braccio della morte. A quasi vent’anni di distanza da quella terrificante esperienza, Tessa è diventata un’artista e una mamma single. Una fredda mattina di febbraio nota nel suo giardino, proprio davanti alla finestra della camera da letto, una margherita gialla, che sembra piantata di recente. Sconvolta da ciò che evoca quel fiore, Tessa si chiede come sia possibile che il suo torturatore, ancora in carcere in attesa di essere giustiziato, possa averle lasciato un indizio così esplicito. E se avesse fatto condannare un innocente? L’unico modo per scoprirlo è scavare nei suoi dolorosi ricordi e arrivare finalmente a mettere a fuoco le uniche immagini, nascoste per tanti anni nelle pieghe della memoria, che potranno riportare a galla la verità…

NAKED

ED. PIEMME

566-5258-1_250x_

Il racconto di Lily comincia con l’estate del 1976, quella che cambiò per sempre la sua vita: l’estate in cui nacque il punk e la sua band, i Naked, l’estate del sesso, della droga, degli eccessi, ma anche dell’amore. Dall’incontro con Curtis Ray, il dio della musica, leader della band, all’ingresso nel gruppo del misterioso ragazzo irlandese che ruberà il cuore di Lily, la vita dei Naked corre in parallelo con un pezzo di storia della musica e della Londra di quegli anni, scossa dalla nascita di un nuovo e violento movimento culturale e musicale e dilaniata dal terrorismo.

 

 

AUTORI IN ITALIA:

  • Grégoire DELACOURT, autore di: Le quattro stagioni dell’estate –> 19-21 APRILE 2016 A Milano e Roma
  • Guido Mina di Sospiro, autore di: La metafisica del Ping Pong –> 11-12-13 aprile a MILANO
  • Veronica Roth, autrice di: Divergent (serie) –> 3 aprile – Milano, 4 aprile – Bologna, 7 aprile – Roma

 


Lo strano caso dell'orso ucciso nel bosco, di Franco Matteucci

lo-strano-caso-dellorso-ucciso-nel-bosco_7340_x1000

Avvincente, divertente, originale. Questi sono i tre aggettivi con cui definirei “Lo strano caso dell’orso ucciso nel bosco”, di Franco Matteucci, già autore di altri tre episodi dedicati alle indagini dell’ispettore Marzio Santoni, detto Lupo Bianco (Tre cadaveri sotto la neve, La mossa del cartomante, Il suicidio perfetto).

Ma ecco la trama come viene riportata sulla quarta di copertina:

Un corpo senza vita giace sulla neve nell’apparente tranquillità del bosco. Accanto al cadavere, sul tronco di un albero, è stato inciso un cuore con all’interno il nome della vittima e una lettera greca. L’assassino ha lasciato la sua firma, un segno destinato a ripetersi e a seminare il panico tra i vicoli del paesino di montagna. L’ispettore Santoni, però, non riesce a indagare con la sua solita lucidità. Qualcosa – qualcuno – offusca la sua mente investigativa. E intanto il crimine continua a spandersi come una macchia di sangue, lentamente ma inesorabilmente. Gli abitanti di Valdiluce hanno paura: la loro cittadina, che una volta era un posto tranquillo e rilassante, rischia di trasformarsi nella tana di un pericoloso serial killer. Il tempo stringe per Marzio Santoni: stavolta in gioco c’è la vita di tutta la valle…

 

Non voglio scendere nei particolari con il rischio di spoilerare qualche gustoso colpo di scena a chi fosse incuriosito dal romanzo e volesse leggerlo. Tuttavia, bisogna pur dire qualcosa. Io giustificherò i tre aggettivi che ho utilizzato all’inizio di questa recensione. Pronti? Via.

Avvincente:

La successione di eventi sanguinosi che oscurano il paese montano i Valdiluce (un nome che è tutto un programma) è serrata, un crescendo di subdola violenza, e questo tiene sulle spine il detective ma anche il lettore. La narrazione non perde mai di ritmo, scorre e allo stesso tempo si involve, portando l’attenzione del lettore a posarsi prima su un particolare, poi su un altro, poi su un altro ancora. Sarà lui il colpevole? Un momento, è certamente quest’altro! Nooo, vuoi vedere che è quest’altro ancora? L’autore gioca con il lettore e lo ammetto, questa volta sono stata fregata. Non sono riuscita a scoprire il colpevole fino alla fine, cosa che accade di rado. Quindi suppongo che nemmeno voi, lettori occasionali, ci riuscirete (vi sfido 😉 ). Tuttavia, bisogna pur dire che l’autore sceglie per la conclusione un metodo spesso utilizzato da Agatha Christie o Conan Doyle. E questo è l’unico indizio che posso dare.

L’indagine è dunque un pretesto per sondare i personaggi, uno per uno, portando a galla le loro debolezze e le dinamiche a volte spiegate e crudeli che regolano una comunità tanto pacifica e lontana dai tumulti della città come quella di un luogo di villeggiatura adagiato tra i monti.

Divertente:

Se una cosa è avvincente dev’essere per forza anche divertente, no? No. Una commedia diverte, ma non avvince. Un film d’azione avvince ma non diverte. Per divertente si intende dunque qualcosa che ti solleva da pensieri “molesti”. In questo caso, alla trama avvincente si uniscono la sottile vena caricaturale dei personaggi, l’ironia di alcuni passaggi e lo stile dell’autore, asciutto, vivace, in alcuni tratti tendente al colloquiale. Tutto ciò rende il romanzo piacevolmente divertente e vi intratterrà con leggerezza, ma senza rinunciare al giusto apporto di introspezione.

Originale:

Montalbano è il padre spiritule dei detective italiani e sarà forse per questo che lo rivedo in tutti i suoi colleghi letterari, soprattutto in quelli che operano in contesti spaziali a forte caratterizzazione regionale, in questo caso un paesino di montagna alpino. Ma nella costruzione della trama così come nel motre che la avvia ho rivisto qualcosa di Fred Vargas, che tra tutti i giallisti contemporanei è la mia preferita. Il suo commissario Adamsberg, montanaro d’origine, un po’ rude e solitario, insondabile ma geniale, e Lupo Bianco, il detective dall’olfatto sopraffino protagonista della vicenda sono entrambi ascrivibili a quel tipo di essere umano “orso” ma in fondo gentile. In più, collegamento con la Vargas si ritrova nell’attenzione posta al legame tra la vicenda, i personaggi e l’anima del luogo in cui tutto si svolge. In fondo, la gente è figlia del luogo da cui proviene e quel luogo ha una storia, un’anima capace di influenzare vite e azioni. In montagna non ci sono solo case di legno, liquori alle erbe, boschi e neve, ma anche leggende popolari, rancori e pettegolezzi da piccola comunità, un connubio tra uomo e natura che noi abbarbicati nelle città abbiamo un po’ dimenticato e anche una buona dose di distacco e solitudine.

In conclusione, questo romanzo è stato una piacevole scoperta e certamente andrò a recuperare gli altri casi del detective Lupo Bianco. Le ambientazioni mi sono care, perché amo la montagna e ne sono un’assidua frequentatrice, e ho trovato l’indagine gestita in modo concreto e realistico, i personaggi piacevoli e la vicenda appassionante.

Il mio voto è:

                                                                                Star-empty-iconStar-empty-iconStar-empty-iconStar-empty-icon

 


Lo strano caso dell’orso ucciso nel bosco, di Franco Matteucci

lo-strano-caso-dellorso-ucciso-nel-bosco_7340_x1000

Avvincente, divertente, originale. Questi sono i tre aggettivi con cui definirei “Lo strano caso dell’orso ucciso nel bosco”, di Franco Matteucci, già autore di altri tre episodi dedicati alle indagini dell’ispettore Marzio Santoni, detto Lupo Bianco (Tre cadaveri sotto la neve, La mossa del cartomante, Il suicidio perfetto).

Ma ecco la trama come viene riportata sulla quarta di copertina:

Un corpo senza vita giace sulla neve nell’apparente tranquillità del bosco. Accanto al cadavere, sul tronco di un albero, è stato inciso un cuore con all’interno il nome della vittima e una lettera greca. L’assassino ha lasciato la sua firma, un segno destinato a ripetersi e a seminare il panico tra i vicoli del paesino di montagna. L’ispettore Santoni, però, non riesce a indagare con la sua solita lucidità. Qualcosa – qualcuno – offusca la sua mente investigativa. E intanto il crimine continua a spandersi come una macchia di sangue, lentamente ma inesorabilmente. Gli abitanti di Valdiluce hanno paura: la loro cittadina, che una volta era un posto tranquillo e rilassante, rischia di trasformarsi nella tana di un pericoloso serial killer. Il tempo stringe per Marzio Santoni: stavolta in gioco c’è la vita di tutta la valle…

 

Non voglio scendere nei particolari con il rischio di spoilerare qualche gustoso colpo di scena a chi fosse incuriosito dal romanzo e volesse leggerlo. Tuttavia, bisogna pur dire qualcosa. Io giustificherò i tre aggettivi che ho utilizzato all’inizio di questa recensione. Pronti? Via.

Avvincente:

La successione di eventi sanguinosi che oscurano il paese montano i Valdiluce (un nome che è tutto un programma) è serrata, un crescendo di subdola violenza, e questo tiene sulle spine il detective ma anche il lettore. La narrazione non perde mai di ritmo, scorre e allo stesso tempo si involve, portando l’attenzione del lettore a posarsi prima su un particolare, poi su un altro, poi su un altro ancora. Sarà lui il colpevole? Un momento, è certamente quest’altro! Nooo, vuoi vedere che è quest’altro ancora? L’autore gioca con il lettore e lo ammetto, questa volta sono stata fregata. Non sono riuscita a scoprire il colpevole fino alla fine, cosa che accade di rado. Quindi suppongo che nemmeno voi, lettori occasionali, ci riuscirete (vi sfido 😉 ). Tuttavia, bisogna pur dire che l’autore sceglie per la conclusione un metodo spesso utilizzato da Agatha Christie o Conan Doyle. E questo è l’unico indizio che posso dare.

L’indagine è dunque un pretesto per sondare i personaggi, uno per uno, portando a galla le loro debolezze e le dinamiche a volte spiegate e crudeli che regolano una comunità tanto pacifica e lontana dai tumulti della città come quella di un luogo di villeggiatura adagiato tra i monti.

Divertente:

Se una cosa è avvincente dev’essere per forza anche divertente, no? No. Una commedia diverte, ma non avvince. Un film d’azione avvince ma non diverte. Per divertente si intende dunque qualcosa che ti solleva da pensieri “molesti”. In questo caso, alla trama avvincente si uniscono la sottile vena caricaturale dei personaggi, l’ironia di alcuni passaggi e lo stile dell’autore, asciutto, vivace, in alcuni tratti tendente al colloquiale. Tutto ciò rende il romanzo piacevolmente divertente e vi intratterrà con leggerezza, ma senza rinunciare al giusto apporto di introspezione.

Originale:

Montalbano è il padre spiritule dei detective italiani e sarà forse per questo che lo rivedo in tutti i suoi colleghi letterari, soprattutto in quelli che operano in contesti spaziali a forte caratterizzazione regionale, in questo caso un paesino di montagna alpino. Ma nella costruzione della trama così come nel motre che la avvia ho rivisto qualcosa di Fred Vargas, che tra tutti i giallisti contemporanei è la mia preferita. Il suo commissario Adamsberg, montanaro d’origine, un po’ rude e solitario, insondabile ma geniale, e Lupo Bianco, il detective dall’olfatto sopraffino protagonista della vicenda sono entrambi ascrivibili a quel tipo di essere umano “orso” ma in fondo gentile. In più, collegamento con la Vargas si ritrova nell’attenzione posta al legame tra la vicenda, i personaggi e l’anima del luogo in cui tutto si svolge. In fondo, la gente è figlia del luogo da cui proviene e quel luogo ha una storia, un’anima capace di influenzare vite e azioni. In montagna non ci sono solo case di legno, liquori alle erbe, boschi e neve, ma anche leggende popolari, rancori e pettegolezzi da piccola comunità, un connubio tra uomo e natura che noi abbarbicati nelle città abbiamo un po’ dimenticato e anche una buona dose di distacco e solitudine.

In conclusione, questo romanzo è stato una piacevole scoperta e certamente andrò a recuperare gli altri casi del detective Lupo Bianco. Le ambientazioni mi sono care, perché amo la montagna e ne sono un’assidua frequentatrice, e ho trovato l’indagine gestita in modo concreto e realistico, i personaggi piacevoli e la vicenda appassionante.

Il mio voto è:

                                                                                Star-empty-iconStar-empty-iconStar-empty-iconStar-empty-icon

 


Segreto di famiglia, di Mikaela Bley

segreto-di-famiglia_7391_x1000

Trama:

A Stoccolma è un freddo e piovoso venerdì di maggio, quando la piccola Lycke, di soli otto anni, scompare improvvisamente nel centro della città.
La rete televisiva nazionale si lancia subito sulla notizia e manda sul campo un’inviata specializzata in cronaca nera, Ellen Tamm. Chi ha visto Lycke per l’ultima volta? Chi sono i suoi genitori? Il padre e la madre di Lycke sono separati ed è stata la nuova moglie del padre ad accompagnare la bambina al centro sportivo, dove se ne sono perse le tracce. La donna, madre a sua volta da poco, racconta la sua versione dei fatti, ma ci sono delle zone d’ombra nella testimonianza. La tata che ha cresciuto la bambina è chiusa nel dolore. La madre di Lycke invece è imperscrutabile, soffre ancora il peso del divorzio e di una depressione post partum mai affrontata. Il padre, dal canto suo, non si dà pace. Nel frattempo Ellen si impegna in una ricerca spasmodica, nonostante la corruzione della polizia, i sempre più strani comportamenti dei genitori di Lycke e le frecciate velenose dei colleghi. Ma ha deciso di fare il possibile per fronteggiare la situazione da vera professionista, perché questo caso le ricorda da vicino ciò che conosce sin troppo bene: segreti di famiglia, bugie, inganni che la obbligheranno a confrontarsi con il proprio doloroso passato, mentre le speranze di ritrovare la bambina scomparsa si assottigliano…

“Segreto di famiglia” è un libro che segue a pieno la recente tendenza a demistificare le donne, evitando di cadere in quell’assurdo pregiudizio che le vuole naturalmente inclini ad essere materne, protettive e incapaci di fare del male (specialmente alla prole). Un preconcetto fuorviante che una lunga serie di scrittori, sia donne che uomini, sta sistematicamente sfatando, mettendo in scena omicidi tutti al femminile.

In fondo, chi ha stabilito che diventare madre sia il sogno di ogni donna? Nessuno anche se la società cieca e conformista si aspetta che sia così. In realtà la funzione biologica del sesso a cui si appartiene non ha relazione con i propri desideri. E a volte l’arrivo di un figlio può distruggere quei desideri, svilirli. Magari non si è pronte a metterli da parte. Allo stesso modo, magari si desidera con tutto il proprio cuore qualcosa che non si può avere. Oppure ci si sente così inadatti al compito da diventare morbosi e si riversano sulla prole tutte le proprie speranze infrante.

Di questa categoria fanno parte Hellen, Chloé e Mona. Tre donne diverse, tre punti di vista diversi (il libro è diviso proprio così, seguendo un ordine temporale e alternando i punti di vista delle principali indiziate del caso). Tre modi diversi di essere donna e madre.

L’altro lato della medaglia sono dunque i figli. Amati, odiati (perché sì, si possono odiare anche loro), non voluti, propri o degli altri, esemplari o deludenti, complessi o malleabili. Conosciuti, riempiti di attenzioni oppure ignorati e incompresi.

Di questa categoria fa parte invece la nostra protagonista, Ellen, una giornalista dal passato tormentato e perseguitata dall’ombra di Elsa, una figura molto importante la cui scomparsa ha lasciato un segno indelebile su di lei. Ellen non è madre ma è figlia. Quando la piccola Lycke scompare, dopo essere stata lasciata alla lezione di Tennis che non si sarebbe tenuta, abbandonata a sé stessa da due genitori troppo presi dal proprio egoismo per ricordarsi di lei, Ellen è l’unica che combatte per attirare attenzione sulla vicenda. Riesce a farne un caso nazionale e ad arrivare all’amara soluzione. Ma il percorso per arrivare a quella soluzione non è semplice e Ellen deve combattere prima di tutto con le ombre che la tormentano e poi con la meschinità della gente, che siano i genitori di Lycke o gli anonimi “leoni da tastiera” che minacciano di stuprarla sulla sua pagina Facebook.

Questi sono gli aspetti che ho apprezzato di più del libro. Mi piace il fatto che si tenti di dipingere versioni di donne diverse e versioni della femminilità più oscure e sfacettate. L’indagine, tuttavia, non è particolarmente complicata. Il caso si articola in una lunga serie di rimandi e omissioni. Forse un po’ troppo spesso viene usato l’espediente del “te lo dico dopo”, dell’interruzione. Il colpevole è facilmente intuibile dal lettore una volta arrivati al punto di svolta nella storia. Sembra davvero strano che Ellen, che è abbastanza sveglia, non ci arrivi a sua volta in pochi istanti.

Il libro è comunque una lettura piacevole e scorrevole. Le atmosfere sono uggiose, buie e a volte quasi asfittiche. La protagonista mi è piaciuta abbastanza. Non è una donna stucchevole e nonostante sia attratta da un uomo non lancia addosso al lettore una lunga serie di fantasie zuccherose nei momenti meno indicati, cosa che apprezzo. Tuttavia, è una donna chiusa in e su sé stessa. TROPPO chiusa. Sarà forse la nota reticenza alla parola tipica dei popoli nordici, ma Ellen fatica a sbottonarsi anche solo un pochino. E non dico per esternare sentimenti brucianti o segreti inconfessabili, ma per esprimere la propria onesta opinione durante una semplice conversazione (fattore che rientra nell’espediente del “rimando” di cui ho accennato sopra).

In conclusione, consiglio questo libro a chi desidera un intrattenimento piacevole e relativamente leggero, ma che possa anche dare uno spunto di riflessione su alcuni aspetti della vita, come la genitorialità.

G.